Slide # 1

Slide 1

Nella vita bisogna avere il coraggio di volare

Slide # 2

Slide 2

L'unico posto in cui puoi trovare la forza è dentro di te

Slide # 3

Slide 3

Ogni tanto ricordati di amare qualcuno

Slide # 4

Slide 4

Se vuoi cambiare il mondo, inizia a darti da fare tu stesso

Slide # 5

Slide 5

Sai ancora sorprenderti dell'esistenza?

domenica 29 marzo 2009

Colpo d’occhio - Sergio Rubini (film drammatico)

Colpo d’occhio è il terzo film di Sergio Rubini recensito su Cinema e film, dopo Il viaggio della sposa (1997) e La terra (2006).
I due precedenti li avevo decisamente graditi, specialmente il più risalente Il viaggio della sposa, film dal sapore molto particolare.

E, posto che stimo molto Rubini come attore e come regista, avevo buone aspettative anche su questo Colpo d’occhio… aspettative però parzialmente deluse, visto che il film non mi ha convinto del tutto.

In breve, ecco la trama: Adrian Scala (Riccardo Scamarcio) è un giovane scultore, alle prese con la difficoltà di emergere dei giovani artisti.
A una mostra, egli conosce Gloria (Vittoria Puccini), e tra i due nasce subito una forte intesa.
Gloria, però, è fidanzata con Pietro Lulli (Sergio Rubini), prima suo tutore, alla morte del padre di lei, e poi suo amante.

Adrian e Gloria fuggono insieme, ma Pietro torna nella loro vita, essendo un importante critico e organizzatore di mostre, tanto da diventare infine lo sponsor di Adrian… la cui storia d’amore con Gloria nel mentre vacilla…

Ecco cosa non mi ha convinto di Colpo d’occhio.
Intanto, la prima parte del film (ossia la più importante) è troppo rapida, e dà l’impressione di essere frettolosa, con l’incipit che non pare troppo solido.

Poi, le psicologie dei personaggi sembrano troppo mutevoli, con capovolgimenti di fronte che sanno molto di escamotage cinematografico, e non un'evoluzione spontanea dei personaggi stessi.

Ancora, ma questo è un parere personale, la coppia Scamarcio-Puccini sembra male assortita.

Interessante invece il personaggio di Sergio Rubini, che oscilla sempre tra il benefattore e il manipolatore, con quest’ultima sensazione che alla fine si dimostrerà definitiva.

In definitiva, Colpo d’occhio è un film che offre qualche spunto (buoni attori, esplorazione del mondo dell’arte, pericolosi incroci tra i personaggi, etc), ma che non si eleva al di sopra della sufficienza.

Sergio Rubini a mio modesto avviso può fare di meglio.

Fosco Del Nero



Titolo: Colpo d’occhio (Colpo d’occhio).
Genere: drammatico, commedia.
Regista: Sergio Rubini.
Attori: Riccardo Scamarcio, Vittoria Puccini, Sergio Rubini, Paola Barale, Richard Sammel, Emanuele Salce, Giorgio Colangeli, Giancarlo Ratti, Alexandra Prusa.
Anno: 2008.
Voto: 6.
Dove lo trovi: qui.

venerdì 27 marzo 2009

Conversations with God - Stephen Deutsch (film drammatico)

Il film che recensisco oggi è un po’ particolare, e non certo perché sia ispirato a un libro, di cui porta anche il nome, ma per il contenuto del libro stesso, nonché per la vita dell’uomo che lo ha scritto.

Sto parlando di Conversations with God, film tratto dal libro di Neale Donald Walsch Conversazioni con Dio.

Il film, diretto da Stephen Deutsch, ripercorre proprio la vita dello scrittore, nei suoi alti e bassi, nel momento del povertà e dei cassonetti, e in quella della fama e del successo.
Fama e successo derivanti, peraltro, proprio dal suddetto libro.

Libro che probabilmente andrebbe letto prima della visione del film, il quale, in mancanza del suo gemello, avrà plausibilmente un sapore mezzano, se non proprio di incompiutezza.

Ad ogni modo, ecco la storia di Conversations with God: Neale in un lampo perde tutto, lavoro, famiglia e casa, ed è costretto ad arrangiarsi, privo di denaro e di un luogo in cui abitare.
La sua vita di barbone, va da sé, gli sta stretta, ed egli, dopo un primo momento di scoramento, lotta per risollevarsi e risalire la china.

Quando sembra avercela fatta, l’evento inimmaginabile: Dio gli parla, e lo fa con chiarezza.
Lui prende appunti, e poi pubblica un libro con le parole di Dio.

Badate che questa è la vera storia di Neale Donald Walsch, col libro (di cui trovate le recensione qua) che inevitabilmente è diventato un caso editoriale e ha fatto molto discutere.

Inevitabile anche che si formino i partiti dei pro e dei contro, tanto per il libro, quanto per questo film.
Il quale, peraltro, se visto isolatamente non ha un grande senso, e peraltro non si distingue per virtuosismi cinematografici.

Tuttavia, come “completamento” del libro, pare avere un suo perché.
Il mio consiglio è di leggervi il libro Conversazioni con Dio e poi, se vorrete, vedervi l'omonimo Conversations with God

Fosco Del Nero



Titolo: Conversations with God (Conversations with God).
Genere: drammatico, spirituale.
Regista: Stephen Deutsch.
Attori: Henry Czerny, Vilma Silva, T. Bruce Page Zillah Glory, Ingrid Boulting, Jerry McGill, Abdul Salaam El Razzac, Michael A. Goorjian, Michelle Merring.
Anno: 2006.
Voto: 6.5.
Dove lo trovi: qui.

domenica 22 marzo 2009

Cresceranno i carciofi a Mimongo - Fulvio Ottaviano (film commedia)

Consigliatomi da un amico, Cresceranno i carciofi a Mimongo è una vera rivelazione.
Tanto da farmi sorprendere per il fatto che un ottimo film italiano come questo sia rimasto a me, ma suppongo a quasi chiunque, sconosciuto per ben tredici anni (il film è del 1996), mentre altri film dello stivale, ben più scarsi, sono emersi dalla massa per chissà quale forza centrifuga.

Cresceranno i carciofi a Mimongo è un film assolutamente a basso costo, e peraltro si presenta con un bianco e nero d’altri tempi, tanto da ingannare sulla sua anzianità.
I volti di alcuni attori conosciuti, tuttavia (Valerio Mastandrea, Daniele Liotti, Rocco Papaleo), aiutano a inquadrarlo ancora prima di conoscere l’anno ufficiale di produzione.

Sostanzialmente, si tratta di una commedia, con qualche venatura drammatico-esistenzialistica tipica del filone giovanile-adolescenziale.
Per la precisione, i protagonisti sono dei giovani, in parte studenti e in parte lavoratori, in parte alla ricerca di un lavoro e in parte assolutamente dediti alla pigrizia e ad attività più triviali.

Sergio (Daniele Liotti), in particolare, cerca un lavoro, mentre suo fratello Enzo (Valerio Mastandrea) pare decisamente più attratto dal mondo femminile, nonché dal farsi mantenere dai genitori.

Nella vita di Sergio vi sono altre due presenze importanti: l’ex fidanzata Rita (la bella e brava attrice e cantante Francesca Schiavo), di cui è ancora innamorato ma che sta per sposare un altro, e Ermanno Lopez, autore di una guida per chi cerca lavoro, che Sergio cerca di attuare punto su punto.
La voce fuori campo di Ermanno Lopez, peraltro, è quella di Piero Chiambretti.

Cresceranno i carciofi a Mimongo è questo, tra momenti tristi e momenti allegri.
Ma, al di là di eventi e definizioni, esso è un film che ha un sapore un po’ speciale, fatto di spontaneità e di semplicità, che si respirano per tutta la durata della pellicola.

In definitiva, pur senza essere un capolavoro, Cresceranno i carciofi a Mimongo è proprio un bel film, che vi consiglio a mia volta.

Fosco Del Nero



Titolo: Cresceranno i carciofi a Mimongo (Cresceranno i carciofi a Mimongo).
Genere: commedia.
Regista: Fulvio Ottaviano.
Attori: Valerio Mastandrea, Daniele Liotti, Francesca Schiavo, Rocco Papaleo, Piero Natoli, Simona Marchini, Rocco Mortelliti, Christopher Buchholz, Francesco Siciliano, Patrizia Pezza, Francesca Ponziani.
Anno: 1996.
Voto: 7.
Dove lo trovi: qui.

venerdì 20 marzo 2009

Il pianeta verde - Coline Serreau (film commedia)

Il film che recensisco oggi è decisamente particolare (ma ormai suppongo che i miei lettori si saranno abituati a recensioni di “film un po’ particolari”): parlo de Il pianeta verde.

Intanto, comincio col dire che si tratta di un film francese del 1996, diretto da Coline Serreau e di genere surreale-fantastico.
Non è certamente il primo film francese che compare su Cinema e film, e anzi ci sono già passati vari La cena dei cretini, Una top model nel mio letto, Il favoloso mondo di Amelie, Lezioni di felicità, etc.

In particolare, ho visto Il pianeta verde dietro suggerimento di un’amica… e il suggerimento si è rivelato azzeccato, posto che si tratta a mio avviso di un film profondo e divertente.

Ecco in breve la sua trama: Mila è una giovane vedova che vive con i suoi quattro figli sul Pianeta verde, una sorta di oasi ecologica i cui abitanti vivono in pieno accordo con la natura e hanno raggiunto un livello di sviluppo mentale e spirituale notevole.

Tra le altre cose, essi possono comunicare telepaticamente, con il semplice ausilio dell’acqua.

Una volta all’anno, e questa è la scena iniziale, la comunità si riunisce per fare il punto della situazione e per mandare i suoi inviati nei vari pianeti al fine di monitorarne lo sviluppo sociale.
Sulla Terra, sfortunatamente, non ci vuole andare nessuno, data la fama negativa del posto, violento, sporco e invivibile.

Alla fine, Mila si offre volontaria, e nella Parigi di oggi sarà protagonista di numerose scene divertenti, spesso giocate sull’ambiguità di ciò che per noi è realtà, mentre per Mila è un’assurdità incomprensibile.
E devo dire che spesso le osservazioni della donna sono ineccepibili…

Sostanzialmente, dunque, lo spunto del film è di tipo sociologico, quasi spirituale persino (specialmente l’incipit del film sa molto di spunto new age), mentre la storia poi si evolve in una commedia godibile e spigliata.

In conclusione, Il pianeta verde è un ottimo film, che può essere visto sia come ironico atto di accusa alla società odierna, sia come divertente (molto divertente) intrattenimento cinematografico.
Buona visione.

Fosco Del Nero



Titolo: Il pianeta verde (La belle verte).
Genere: commedia, fantastico, surreale.
Regista: Coline Serreau.
Attori: Vincent Lindon, Coline Serreau, Philippine Leroy-Beaulieu, Marion Cotillard, James Thierree, Samuel Tasinaje, Catherine Samie, Claire Keim.
Anno: 1996.
Voto: 8.
Dove lo trovi: qui.

mercoledì 18 marzo 2009

Fuga dal mondo dei sogni - Ralph Bakshi (film animazione)

Fuga dal mondo dei sogni è un progetto un po’ particolare, prodotto da Ralph Bakshi nel 1992 e passato nel giro di pochi anni nel dimenticatoio per lo scarso successo avuto.

Tanto per cominciare, occorre dire che si tratta di un film a metà tra animazione e recitazione di attori in carne e ossa.
Tuttavia, non si tratta di un’alternanza quale ad esempio quella di Osmosis Jones, con le parti animate che seguono quelle recitate, etc, ma di una sorta di sovrapposizione tra le due, col risultato finale che dunque è molto meticcio.

Il referente dunque sarebbe più che altro Chi ha incastrato Roger Rabbit, film di grande successo che lo precede di quattro anni.

In sostanza, questo film ne rappresenta la versione adulta e sensuale.
Anche se, occorre dirlo, il suo regista già in passato, prima del successo di Roger Rabbit e amici, si era distinto in ambito animazione sperimentale, in particolare con la nota versione animata de Il signore degli anelli.

Ma veniamo a Fuga dal mondo dei sogni.

Dico subito che il mancato successo è meritato: la trama è zoppicante, i disegni animati non sono tanto belli e si mescolano in modo rozzo con la recitazione reale.

E non solo l’interazione tra reale e animato è carente, ma, soprattutto, la gran parte delle animazioni è del tutto fuori contesto, inserita forse per mettere in mezzo degli intermezzi ludici, che però:
- sono troppo frequenti,
- non fanno ridere per niente, e anzi sono spesso patetici.

Il genere del film è difficile da inquadrare: parte come un drammatico, prosegue come una commedia, ma spesso ricade sul triste e sul pesante.
Da non dimenticare, come dicevo, la sua componente sensuale, decisamente importante.

Ecco in breve la trama: Frank Harris (un Brad Pitt allora molto giovane) è un umano che, a seguito di un incidente stradale, si trova sbalzato in Mondo furbo (Cool world in lingua originale, parole che sono anche il titolo del film inglese), un mondo di cartoni animati, dove gli uomini (i “carnosi”) sono accettati ma non si possono unire ai cartoni animati.
Laddove per unire si intende proprio fare sesso.

Ed è esattamente questa l’intenzione di Holli Would (un'ancora giovane e bellissima Kim Basinger), un cartone particolarmente sensuale, attraente e audace, che intende unirsi a un carnoso e diventare carnosa essa stessa.

Ci riuscirà col carnoso Jack Deebs (Gabriel Byrne), provocando però, così, gravi pericoli per entrambi i mondi…

In effetti, l’unico motivo di interesse di Fuga dal mondo dei sogni è proprio il personaggio di Holli Would, particolarmente riuscito nella sua versione animata (ma anche in quella “carnosa”)… ma è troppo poco per un film ambizioso, che di fatto perde il confronto con Chi ha incastrato Roger Rabbit? su tutti i fronti.

Per una volta, un film giustamente dimenticato dalla storia del cinema

Fosco Del Nero



Titolo: Fuga dal mondo dei sogni (Cool world).
Genere: animazione, fantastico.
Regista: Ralph Bakshi.
Attori: Kim Basinger, Gabriel Byrne, Brad Pitt, Deirdre O'Connell, Janni Brenn, Michele Abrams.
Anno: 1992.
Voto: 4.5.
Dove lo trovi: qui.

domenica 15 marzo 2009

Perduto amor - Franco Battiato (film drammatico)

Un altro film italiano su Cinema e film, e precisamente l’esordio cinematografico di Franco Battiato, noto e apprezzato cantautore: sto parlando di Perduto amor, film del 2003.

Conoscendo Battiato, sarebbe stato plausibile aspettarsi:
- un film colto e profondo,
- un commento musicale sofisticato,
- dei ritmi lenti e introversi,
- un’ambientazione regionale (Battiato è molto legato alla sua terra, la Sicilia).

In effetti, è esattamente quello che propone Perduto amor.

Perduto amor, nel dettaglio, narra la storia di Ettore Corvaja, prima bambino e poi ragazzo calato nella realtà della provincia siciliana degli anni 50.

Ettore è un ragazzo non comune, cha manifesta una certa introversione, unita a vaghe aspirazioni artistiche.
Tali aspirazioni lo porteranno poi a scegliere Milano e la musica al posto del sud e dell'università, anche se poi il ragazzo finirà per avere successo non come musicista, ma come scrittore.

Trama a parte, ecco gli estremi del film, in parte già anticipati.
È un film molto lento, che punta decisamente su aspetti sociali e culturali e non su azione o adrenalina.
La colonna sonora, come si poteva intuire, è assolutamente curata, come curato è il resto dell'opera (sceneggiatura, fotografia).

Tuttavia, Perduto amor, pur non dispiacendo, non decolla mai, rimanendo sulla sufficienza stiracchiata.
Più che di un bel film, appassionante e coinvolgente, sembra trattarsi piuttosto di un documentario storico sulla Sicilia di quei tempi, e non a caso il film è stato dichiarato di interesse storico-culturale.

Interessante, ma nulla più.

Fosco Del Nero



Titolo: Perduto amor (Perduto amor).
Genere: film drammatico.
Regista: Franco Battiato.
Attori: Corrado Fortuna, Luca Vitrano, Anna Maria Gherardi, Donatella Finocchiaro, Lucia Sardo, Manlio Sgalambro, Rada Rassimov, Gabriele Ferzetti.
Anno: 2003.
Voto: 6.
Dove lo trovi: qui.

venerdì 13 marzo 2009

Atto di forza - Paul Verhoeven (film fantascienza)

Questa volta è il turno di un film ormai vecchiotto, posto che ha già diciannove anni sulle spalle, che ricordavo con affetto visto che lo vidi da ragazzino, e, da buon appassionato di fantascienza quale sono, mi piacque: parlo di Atto di forza, film girato nel 1990 da Paul Verhoeven e con protagonista il prestante Arnold Schwarzenegger, attuale governatore della California.

Tra gli altri interpreti del film, spicca Sharon Stone, all’epoca all’apice della sua bellezza.

Diciamo sin da subito quali sono le origini di tale pellicola, tratta da un racconto del grande Philip Dick, Ricordiamo per voi.

Ecco in breve la trama: Douglas Quaid (Arnold Schwarzenegger) è un operaio edile del 2084 che ha una particolare fissazione per Marte, colonia della Terra, tanto da sognarlo in modo ripetuto.
Nel suo sogno, c’è anche una brunetta… cosa che non piace molto alla moglie Lori (Sharon Stone).

Douglas cerca di convincere Lori a trasferirsi sul Pianeta Rosso, ma invano, anche per le loro modeste condizioni finanziarie… decide allora di supplire al vero viaggio con un viaggio finto, che gli impianterà la Rekall, società speciali zatta nella manipolazione della memoria, nella quale vengono inseriti dei “pacchetti ricordo”, secondo le scelte e i desideri dei clienti.

Douglas sceglie il pacchetto “Cieli azzurri su Marte”, ma qualcosa va storto, tanto che l’uomo si troverà sul vero Marte a combattere accanto alla brunetta dei suoi sogni, tale Melina, contro il governatore delle miniere del pianeta, Vilos Cohaagen, e al fianco della resistenza capitanata da Kuato, un mutante con poteri mentali.

Atto di forza si distingue per un discreto numero di colpi di scena e di capovolgimenti di fronte, posto che tratta proprio il tema del racconto originario di Dick, tema peraltro molto caro allo scrittore americano: la realtà e la concezione della stessa.

Tutto il film, difatti, porta avanti la danza tra presunta realtà e presunta immaginazione, col nodo che però non si scioglie mai.

Il film in sé è un buon film: coinvolge e tiene vivo l’interesse di chi lo guarda, per quanto mostri alcuni ingenuità narrative e appaia un po’ sbiadito agli occhi del tempo e dello spettatore smaliziato.

In ogni caso, Atto di forza è ormai un classico della fantascienza, per cui vale la pena vederlo se non lo avete ancora fatto.

Fosco Del Nero



Titolo: Atto di forza (Total recall).
Genere: fantascienza.
Regista: Paul Verhoeven.
Attori: Arnold Schwarzenegger, Sharon Stone, Ronny Cox, Michale Ironside, Rachel Ticotin, Marshall Bell, Michael Champion, Mel Johnson Jr., Roy Brocksmith, Ray Baker.
Anno: 1990.
Voto: 6.5.
Dove lo trovi: qui.

martedì 10 marzo 2009

La terra - Sergio Rubini (film drammatico)

La terra è il secondo film di Sergio Rubini che recensisco, dopo l’ottimo Il viaggio della sposa, storia ambientata nell’Italia meridionale del primo 600 e con protagonisti lo stesso Rubini e Giovanna Mezzogiorno.
Trattavasi in quel caso di una commedia con venature sentimentali.

Decisamente lontana, dunque, da questo La terra, sorta di film thriller-drammatico-tragicomico in salsa pugliese, posto che tratta le vicissitudini di una famiglia di Mesagne, paese in cui è ambientata la storia e in cui ritorna Luigi Di Santo (Fabrizio Bentivoglio), l’unico dei fratelli Di Santo ad essere emigrato in cerca di fortuna al nord, fino ad essersi stabilito come professore a Milano.

E l’unico ad avere avuto davvero fortuna, posto che Michele (Emilio Solfrizzi) ha problemi sia coniugali che economici, Aldo (Massimo Venturiello), pecora nera della famiglia, pare in lotta col mondo intero, e pure il piccolo Mario (Paolo Briguglia) dimostra qualche squilibrio emotivo di troppo…

Anche se, alla fine della fiera, pure Luigi, si saprà col passare del tempo, ha avuto le sue brutte gatte da pelare…

Nel film anche Claudia Gerini e Giovanna Di Rauso in due parti di contorno, oltre che il regista-attore Sergio Rubini, negli inguardabili panni di Tonino, mezzo commerciante e mezzo criminale, nonché strozzino a tempo perso.

E proprio Tonino, in qualche modo, avrà un ruolo centrale nelle vicende della famiglia Di Santo…

La critica ha espresso pareri contrastanti nei confronti de La terra, considerandolo spesso un passo indietro rispetto al precedente L’anima gemella, che certamente attira più l’attenzione con la sua storia vivace e fantastica.

Anche questo La terra, comunque, ha un suo perché, e funziona.

Probabilmente merito dei suoi protagonisti, a cominciare dall’ottimo Fabrizio Bentivoglio, ma passando anche per Briguglia, Di Sauro e Solfrizzi...

A mio avviso, il film vale perché ben recitato, ben calato nella realtà pugliese (anche se si ha lì impressione che la trama del film si riferisca più in generale a un generico sud Italia), e perché la sua vivacità mantiene vivo l’interesse dello spettatore.

E, comunque, gusto soggettivo a parte, che può far propendere verso questo o quel film, raramente le opere di Sergio Rubini deludono…

Fosco Del Nero




Titolo: La terra (La terra).
Genere: drammatico.
Regista: Sergio Rubini.
Attori: Fabrizio Bentivoglio, Paolo Briguglia, Emilio Solfrizzi, Massimo Venturiello, Sergio Rubini, Claudia Gerini, Giovanna Di Rauso, Marisa Eugeni.
Anno: 2006.
Voto: 7.
Dove lo trovi: qui.

    domenica 8 marzo 2009

    Get her - Quello che gli uomini sono disposti a fare per una donna (video divertente)



    Evidentemente ci ho preso gusto...
    Dopo il video più visto su YouTube, quello del ballerino comico Jaison Apply, è il turno stavolta di un altro video, anch'esso molto divertente, in cui mi sono imbattuto di recente e che ho pensato di proporre anche ai miei lettori.

    Segnatamente, si tratta di un breve cartoon su quello che gli uomini sono disposti a fare per avere una donna... e viceversa...

    E' un po' truce e sanguinolento, ma fa ridere...

    Buona visione!

    Fosco Del Nero

    mercoledì 4 marzo 2009

    The machine girl - Noboru Iguchi (film splatter)

    Oggi recensisco un film giapponese che ho conosciuto proprio attraverso il web: si tratta di un thriller violento dalla spiccata tendenza splatter.

    The machine girl, questo il suo titolo, fa vedere subito di che pasta è fatto, ed è una pasta crudele, orrida e sanguinosa.
    Già dopo i primissimi minuti, infatti, si sono già visti sangue, morti e mutilazioni.

    Si tratta di un filone che va molto di moda nel lontano Oriente, tanto nei fumetti quanto nelle animazioni e nei film, che tuttavia, a mio modo di vedere, se non ben strutturato, si dimostra vuoto, o peggio ancora fastidioso.

    E, purtroppo, è proprio questo il caso di The machine girl, che oscilla tra l’essere ridicolo e l’essere disgustoso… e disgustoso lo è spesso, tra gole tagliate, teste tagliate, braccia tagliate, dita tagliate, dita mangiate, colli che sprizzano sangue, ragazzine violentate da morte, etc.

    Anzi, a dirla tutta, è un film piuttosto sadico, senza alcun contenuto se non la violenza.

    Quanto agli aspetti tecnici, la recitazione degli attori è sommaria, mentre il doppiaggio in inglese, lingua in cui l’ho visto, è anch’esso precario.

    La trama è di una banalità sconfortante (una gang di ragazzini, capitanata dal figlio di uno yakuza, provoca la morte di un loro coetaneo, con la di lui sorella che per vendicarsi diventa una specie di guerriera ninja, ovviamente fortissima) e anche l’ambientazione sociale non convince, con dei ruoli troppo caricati (i ragazzini bulli, i poliziotti corrotti, i genitori distanti, etc).

    In The machine girl non si salva niente purtroppo, nemmeno i personaggi principali, decisamente anonimi e poco memorabili.
    Forse la fotografia è la cosa più decente.

    A peggiorare le cose, giunge anche un finale sospensivo, che lascia presagire un sequel… sequel che di sicuro io non vedrò.

    Uomo avvisato...

    Fosco Del Nero



    Titolo: The machine girl (Kataude mashin garu).
    Genere: splatter, drammatico, thriller.
    Regista: Noboru Iguchi.
    Attori: Asami, Honoka, Kawamura Ryosuke, Yuya Ishikawa, Kishi Kentaro, Kijima Noriko, Nishihara Nobuhiro, Shimazu Kentar, Okamoto Ryoji.
    Anno: 2008.
    Voto: 3.5.
    Dove lo trovi: qui.

    martedì 3 marzo 2009

    Puerto escondido - Gabriele Salvatores (film commedia)

    Puerto escondido è il terzo film di Gabriele Salvatores che compare su Cinema e film, dopo Denti (film del 2000) e Marrakech express (del 1989).

    Stavolta il protagonista è Diego Abatantuono, affiancato da Claudio Bisio, Valeria Golino e Renato Carpentieri.
    In parti minori, viceversa, da segnalare Ugo Conti, Antonio Catania e Fabrizio Bentivoglio.

    L’anno di produzione è il 1992, e difatti siamo nel periodo del primo Salvatores, quello diventato famoso grazie a film come Mediterraneo, Marrakech express e, per l’appunto, Puerto escondido.

    In tutti e tre i film succitati, i focus centrali sono il viaggio, la diversità, la rottura di abitudini, la terra straniera.
    In tali storie, difatti, degli uomini normali, degli italiani veramente medi, si trovano a vivere all’estero per vari motivi.

    In Mediterraneo per la guerra, in Marrakech express per aiutare un amico nei guai e in Puerto escondido perché nei guai ci è finito lo stesso protagonista, Mario Tozzi (Diego Abatantuono), coinvolto suo malgrado in un omicidio commesso da un commissario di polizia, che inizia a dargli la caccia in quanto testimone oculare…

    Mario, allora, per sfuggire a tale pericoloso personaggio, decide di scappare in Messico, dove però è oggetto di un episodio sfortunato dietro l’altro.

    Conosce quindi Alex (Claudio Bisio) e Anita (Valeria Golino), italiani che vivono di espedienti (piccolo spaccio di droga, piccole rapine, lotta di galli, etc), e finisce per familiarizzare con loro, adattandosi a una vita assai diversa da quella cui era abituato a Milano.

    Fino a che…

    Per farla semplice, vi dico da subito che a questo film ho preferito Mediterraneo, il cui respiro è più ampio e coinvolgente.
    Ma, tra Puerto Escondido e Marrakech express, vince di un soffio il primo.
    Entrambi sono comunque gradevoli e gustosi, ma il film di quest’oggi si fa preferire per una trama più convincente e per la maggiore efficacia degli attori protagonisti.

    Devo dire invece che, sempre rimanendo in tema Gabriele Salvatores, sono tra i fan dello sperimentale Nirvana, che tuttavia a molti non è piaciuto (unico comun denominatore tra tutti i film: la presenza di Diego Abatantuono).

    Buona visione.

    Fosco Del Nero



    Titolo: Puerto Escondido (Puerto Escondido).
    Genere: commedia.
    Regista: Gabriele Salvatores.
    Attori: Diego Abatantuono, Claudio Bisio, Valeria Golino, Renato Carpentieri, Antonio Catania, Ugo Conti, Fabrizio Bentivoglio.
    Anno: 1992.
    Voto: 7.
    Dove lo trovi: qui.