Slide # 1

Slide 1

Nella vita bisogna avere il coraggio di volare

Slide # 2

Slide 2

L'unico posto in cui puoi trovare la forza è dentro di te

Slide # 3

Slide 3

Ogni tanto ricordati di amare qualcuno

Slide # 4

Slide 4

Se vuoi cambiare il mondo, inizia a darti da fare tu stesso

Slide # 5

Slide 5

Sai ancora sorprenderti dell'esistenza?

lunedì 25 febbraio 2013

Journey (videogioco)

Su Cinema e film, nomen omen, solitamente vengono recensiti film.

Tuttavia a volte capita anche che ci passi qualcos’altro: dalle serie televisive, che comunque sono parenti stretti dei film, ai fumetti, che con essi hanno in comune l’aspetto visivo, ai videogiochi, che se non ne sono vicini parenti, ne sono quantomeno cugini più o meno lontani.

Di videogiochi ne avevo recensito finora appena due, anche perché negli ultimi anni non è che abbia video video-giocato molto, per non dire nulla. 
Anche i due già apparsi (i bellissimi Planetscape Torment e Final Fantasy VIII) sono apparsi più come memoria di vecchie glorie, che non come passatempi del momento. 
Il terzo della lista, invece, l’ho giocato adesso ed è stata una vera e propria esperienza di vita: parlo di Journey, videogioco del 2012 per Playstation 3.

Journey, e chi lo ha giocato concorderà senz’altro, non è un videogioco classico, tanto che non vi è uno scopo, non vi è un ritmo, non vi è una trama…

C’è solo un viaggio: un viaggio surreale effettuato da uno strano personaggio umanoide con mantello e cappuccio che parte da un deserto e attraversa rovine e situazioni atmosferiche di vario genere.

Il viaggio parte come solitario, ma a tratti la figura incappucciata incontrerà delle creature di vario tipo, per quanto il viaggio rimanga essenzialmente solitario… 
… proprio come la vita.

La bellezza di Journey, oltre che estetica e auditiva, sta anche nel suo essere simbolo della vita: si viaggia da soli, ma in certi momenti abbiamo compagnia, vi è un obiettivo all’orizzonte, ma vi è soprattutto un flusso da seguire, vi sono sfide e difficoltà, ma ci sono anche le risorse per superare tutto… e alla fine ci si accorge che l’esistenza è ciclica.

Bellezza umana nella bellezza sensoriale: i programmatori, nella modalità multiplayer online, hanno predisposto la possibilità di incontrare durante il proprio viaggio (che dura poco, circa 3 ore), altri giocatori online, e interagire con loro… nel modo più semplice possibile: emettendo una nota, unica modalità comunicativa del personaggio, e cooperando per il reciproco vantaggio con la semplice vicinanza. 
Lo dico da sempre: i videogiochi, come qualunque strumento, possono educare in positivo come in negativo… proprio come televisione, film, libri, fumetti, scuola, etc.

Nella confezione di Journey, peraltro, sono inclusi altri due giochi, Flow e Flower, anch’essi molto particolari, originali, e sensorialmente bellissimi (perlomeno, per i due sensi coinvolti: vista e udito… anche se pure il tatto, con le vibrazioni dei joypad moderni, ha un inizio di coinvolgimento).

Se questi due sono originali e interessanti, Journey è pero letteralmente magnificente, e ve ne consiglio l’esperienza di cuore, giacché proprio di questo si tratta: un’esperienza… e magnifica. 

Fosco Del Nero



Titolo: Journey.
Genere: avventura.
Produttore: Thatgamecompany.
Anno: 2012.
Voto: 9.
Dove lo trovi: qui.

giovedì 21 febbraio 2013

Cloud atlas - Tom Tykwer, Andy Wachowski, Lana Wachowski (film fantastico)

Cloud atlas è un film piuttosto insolito, lo dico da subito per coloro che da una megaproduzione colossal si attendono film di cassetta piuttosto commerciali, o anche per coloro che dai registi di Matrix (e sceneggiatori di un altro cult futuristico-orwelliano, V per Vendetta), i fratelli Wachowski, si attendono un film d’azione fantascientifica.

Tecnicamente, a dire il vero, in Cloud atlas c’è un filone di fantascienza, e riguarda due delle sei storie narrate nel film, che peraltro è piuttosto corposo con i suoi 160 minuti.
Due storie, infatti, si svolgono nel futuro: una nella Seul del 2144, in cui vige una società di tipo orwelliano, e una nel 2321 in una Terra riportata all’età della pietra da un non meglio precisato evento apocalittico.
A tali due filoni-periodi storici si aggiungono la metà dell’800, in cui il tema di fondo è quello della schiavitù nera, gli anni “30 del 900, tra amori omosessuali e composizioni musicali, gli anni “70 a San Francisco, tra corruzione e attentati, e infine i giorni nostra: l’unica delle sei vicende con uno sfondo comico vede un anziano editore rinchiuso per sbaglio in una casa di riposo da cui vuole uscire.

Cloud atlas è tratto dall’omonimo libro di David Mitchell, e rappresenta il film tedesco più costoso di tutti i tempi… e forse anche il film indipendente più costoso di sempre. Anche se all’originale matrice tedesca poi si sono affiancati USA, Singapore e Hong Kong. 

Gli stessi fratelli Wachowski si sono aggiunti in corsa al progetto iniziale di Tom Tykwer con una suddivisione molto semplice: i primi si sono occupati delle due storie futuristiche e di quella di metà Ottocento (ossia quelle con un grado di estetismo e di tensione narrativa più forti, soprattutto le prime due), mentre il secondo delle rimanenti tre.

L’aspetto più particolare di Cloud atlas è il fatto che, pur in presenza di sei filoni diversi, fatto già anomalo per un film per quanto certo non nuovo, essi non sono stati seguiti in modo classico, ossia assegnando tot minuti al primo, poi al secondo, e così via fino al sesto per poi riprendere il giro, ma la telecamera si è soffermata sull’uno o sull’altro più per motivi contenutistici che non di minutaggio.
E questo ha significato letteralmente saltare dall’uno all’altro, magari anche per pochi secondi, magari per inquadrare il medesimo luogo ma a distanza di tempo, o per evidenziare nel futuro le conseguenze di eventi passati.

Anche se, a dirla tutta, Cloud atlas, in questo suo particolare incedere, fa perdere la nozione del tempo, punto che probabilmente era il principale sfondo dell’opera: tutto si svolge in simultanea e tutto è legato con tutto... 

… persino i vari personaggi simili nell’aspetto e nei caratteri che si ritrovano nelle varie epoche, e che sembrano voler suggerire la reincarnazione.
A questo proposito, doveroso un accenno al pesantissimo ed efficacissimo trucco cui sono stati sottoposti i vari Tom Hanks o Hugh Grant, a volte irriconoscibili o quasi.

Un po’ gli eccessivi trucchi, un po’ il senso del comico che si affaccia di quando in quando, a tratti fanno però perdere alla storia tensione ed epicità, largamente donata invece dai due scenari futuristici.

Insomma, Cloud atlas da un lato sembra volersi proporre come colossal (cast, realizzazione encomiabile dei due scenari futuristici, storia enorme, messaggi di fondo molto belli, anche se a volte si perdono tra i frequenti e rapidi cambi di scena, di spazio e di tempo), ma da un altro lato sembra moderarsi da sé (momenti comico-grotteschi, attori che recitano finanche cinque ruoli con trucchi pesantissimi), in un mix piuttosto strano. 

E che forse sarebbe stato meglio evitare, lasciando spazio alla sola componente colossal-epica, anche in ragione di una oggettiva non semplicità di visione e di ricollegamento tra i vari filoni, personaggi ed eventi. 

Forse in questo sta lo scarso successo ottenuto negli Usa, per usare un eufemismo.
E, in effetti, Cloud atlas è tutto fuorché un film da botteghino americano. 
Neanche da botteghino italiano, forse, ma questo lo diranno i numeri dei nostri cinema.

Fosco Del Nero



Titolo: Cloud atlas (Cloud atlas).
Genere: fantastico, surreale.
Regista: Tom Tykwer, Andy Wachowski, Lana Wachowski.
Attori: Tom Hanks, Halle Berry, Jim Sturgess, Jim Broadbent, Hugo Weaving, Bae Doo-na, Zhou Xun, Ben Whishaw, James D'Arcy, Keith David, Susan Sarandon, Hugh Grant.
Anno: 2012.
Voto: 7.
Dove lo trovi: qui.

lunedì 18 febbraio 2013

Matrix - Andy e Lana Wachowski (film fantastico)

La recensione di oggi di Cinema e film si riferisce a uno dei film di maggior successo degli ultimi decenni, e forse di tutta la storia del cinema: parlo di Matrix.

Certo, non sarà una novità, ma questa mia terza visione, dopo le due dell’immediata uscita del film (e quindi ormai quattordici anni fa!), è certamente avvantaggiata dal famoso senno di poi, e da elementi di giudizio che non avevo all’epoca.

Questa lettura del film sarà di tipo introspettivo-esoterico, e la cosa non è ugualmente una novità, visto che su Matrix e sul suo simbolismo sono stati scritti persino dei libri. 
D’altronde, non è un mistero che i due registi del film, i fratelli Wachowski (che al tempo erano due fratelli, mentre ora sono un fratello e una sorella… probabilmente è un effetto speciale di Hollywood) fossero due studiosi di tematiche esoteriche (e probabilmente ispirati dall'esistenza oltre le loro stesse conoscenze). 

Prima della pappardella filosofico-esisenzialistico-esoterica, ecco in sintesi la trama di Matrix, per quei due esseri umani che ancora non sapessero di cosa si tratta: un bel giorno Thomas Anderson, che conduce una doppia vita come hacker chiamato Neo (parola anagramma di One, che occhieggia sia al concetto di "The one", l'eletto, sia al concetto metafisico di "One", unità), viene contattato tramite computer da tale Trinity, che lo conduce da Morpheus, leader di una resistenza contro “Matrix”, la matrice illusoria in cui vivono molti esseri umani, addormentati e incosapevolmente succubi delle macchine che ora governano la Terra, dopo aver vinto una guerra mondiale contro l’uomo. 
Da qui inizia la lotta di Neo contro l’agente Smith e l’intera matrice. 

Ora veniamo al sodo. 
Molti studiosi di esoterismo ritengono che Matrix rappresenti precisamente la realtà in cui viviamo. 
Oddio, non precisamente, ma quasi precisamente, con alcune varianti. 
Tra l’altro, molti maestri spirituali hanno sostenuto qualcosa di simile, e avranno avuto i loro buoni motivi per sostenerlo...

Ma andiamo al film.
Si parte dall’ambivalenza sonno-veglia, che sarebbe quella dell’uomo, che vive in uno stato di addormentamento.
Si passa poi al numero 101, numero binario, tipico da realtà simulata-matrice. Si tenga presente che matrix in italiano viene sì tradotto con “matrice”, ma in latino letteralmente significa utero: matrix dunque è l’utero che ci contiene tutti (e da cui dobbiamo nascere, una volta risvegliati, e in questo senso Matrix non racconta altro che la storia millenaria della risurrezione dell'eletto, ossia del risveglio spirituale).
Un altro elemento che suggerisce il mondo della dualità (ossia quello illusorio in cui viviamo) è il pavimento a scacchi, che non a caso è da lungo tempo un simbolo massonico (a proposito, i veri massoni non sono quelli che si scambiano favori tipo far assumere il figlio o far fare carriera al nipote, cose comunque dal canto loro già scorrette, ma sono coloro che, ai piani alti, collaborano con chi intende instaurare un’oligarchia mondiale sullo stile di 1984, Il mondo nuovoV per vendetta, Fahrenheit 451, nota col nome di "nuovo ordine mondiale", o in precedenza "novo ordo seclorum", come testimonia la frase stampata sui dollari). 

Procediamo con un altro simbolo: il contenitore di Morpheus delle due pillole, che è riflettente. Proprio come la realtà, che è uno specchio visibile del mondo invisibile, come sa chiunque sia impegnato in un percorso di crescita personale… o che abbia letto qualche libro di esoterismo al di là del suo impegno.
Tra l’altro poco dopo Neo stesso penetra e si fonde con uno specchio, immagine simbolica che non necessita di commenti.
Riguardo a Morhpeus, da notare che egli si siede in una poltrona con i braccioli che sembrano due leoni-sfingi, da sempre simboli di conoscenza.
Morpheus, tra l’altro, guida la Nabucodonosor, nome ispirato al sovrano babilonese che ha governato dal 605 a.C. al 562 a.C. A chiunque abbia studiato un poco di storia (di vera storia, non di quella finta e pilotata di scuola e telegiornali), Babilonia riporterà tante cose alla mente, dalle “inspiegabili” conoscenze astrologiche dei Sumeri, ai loro “miti” su storia e divinità Annunaki, agli antichi testi che parlano di guerre mondiali, esplosioni atomiche, macchine volanti… e che peraltro per buona parte hanno ispirato la Bibbia, che non è altro che una riscrittura di antichi testi sumeri, per l’appunto, ma con i nomi cambiati (parlo del Vecchio Testamento, chiaramente, non della seconda parte concernente Gesù). Tra l’altro Nabucodonosor è colui che ha conquistato Gerusalemme e distrutto il Tempio di Salomone, e coloro che hanno studiato un po’ di cospirazionismo avranno qualche collegamento mentale anche da questo riferimento. Anche perché la stessa Zion riporta alla mente la Bibbia, essendo stata la prima roccaforte degli Hyksos-Ebrei.
Curiosamente, poi, l’equipaggio della Nabucodonosor comprende nove persone: il 9 in numerologia non è un numero qualunque, e simboleggia l’evoluzione-illuminazione personale e la ricerca della verità (nei tarocchi è l’Eremita)... proprio come l'equipaggio della nave, Morpheus in testa.

Ma torniamo a Morpheus, che dice a Neo (per aiutarlo nel risveglio, lui che giustamente porta il nome del dio del sonno): “Tu sei uno schiavo, Neo, come tutti gli altri sei nato in catene, sei nato in una prigione che non ha sbarre, che non ha mura, che non ha odore, una prigione per la tua mente”. 
E ancora: “Miliardi di persone vivono le loro vite, inconsapevoli”. 
Proprio come si sostiene che sia in ambito esistenziale da un lato (spiritualità)… e in ambito materiale dall’altro (cospirazionismo). 
I due sentieri di conoscenza, peraltro, percorsi a lungo si uniscono… e c’è sempre qualcuno che li percorre prima, fungendo da apripista e facilitatore al risveglio degli altri. 

Nel film è Morpheus, che peraltro con Trininy e Neo forma una strana trinità… e il nome stesso di Trinity lo prova, così come lo suggerisce la conversazione in cui si dice che Morpheus è stato come un padre per l’equipaggio della nave.
Abbiamo dunque “una sorta di padre”, “una sorta di Madonna tutta pelle e arti marziali”… e abbiamo poi l’eletto, il messia tanto atteso che porterà (sacrificandosi in posizione croce, e resuscitando da morto) l’umanità al risveglio e alla vittoria sugli usurpatori, su coloro che la stanno sfruttando assorbendone le energie, come una sorta di grande allevamento… anzi, di campo coltivato. 

Torniamo da Neo che si è appena svegliato: prima di svegliarsi si è confusi, si intuisce qualcosa ma non si afferra bene il tutto. Durante il risveglio si è letteralmente nella melma, mentre dopo si guadagna in forza e visione. 
“Riposa, Neo, le risposte arriveranno”, gli dice Morpheus durante la fase di “transizione”. 

La transizione, peraltro, comprende allenamento e impegno: nulla è gratis, e tutto va guadagnato… anche in ambito esistenzial-spirituale. 
E allora vai di kung-fu e ju-jitsu… che nella nostra vita sarebbero forza e consapevolezza, interiori piuttosto che esteriori. 
Per aiutarlo a prendere consapevolezza nel suo potere, il “padre” Morpheus dice al suo “figlio prediletto”: “Non pensare di esserlo, convinciti di esserlo. Devi lasciarti tutto dietro, Neo: paure, dubbi, scetticismo. Sgombra la tua mente”. 

Mentre poco dopo l’Oracolo gli mostra il celebre "Conosci te stesso" (Nemet nosce), e gli dice che “Si è qualcosa se si crede di esserlo”… proprio come ci è stato detto per secoli e millenni in ambito esoterico-spirituale, fino ai recenti filoni di crescita personale

Un altro evento che simboleggia perfettamente l’evoluzione spirituale dell’uomo è la “morte” di Neo. Sorvoliamo peraltro sul fatto che muore e poi torna in vita, proprio come qualcun altro, e andiamo al suo cambiamento interiore: egli passa da fuggitivo, braccato dagli agenti, i servi del sistema, a guerriero, dopo l’evento trasformazionale della morte (si noti che nei tarocchi la Morte significa proprio cambiamento, passaggio).
Ossia, nel momento della prova, della maggiore difficoltà, Neo prende consapevolezza dei suoi mezzi… proprio come succede nella nostra vita.
Ogni evento, infatti, ci porta un insegnamento, e più è grande la prova, più è grande la ricompensa, ossia la forza che ne traiamo e che sarà una nostra risorsa da quel momento in poi.

Da notare, peraltro, come l’agente Smith, il servo del sistema, spesso parli di tempo e di futuro… ossia del nostro nemico secondo tutti i grandi maestri spirituali, ciò che ci impedisce di vivere nel presente, nel qui e ora, con consapevolezza.
Anche se, a voler essere precisi, il nemico non è il tempo, che è illusorio, ma la nostra mente, che ci tiene nella dualità (ricordate il pavimento a scacchi, le due pillole, i numeri-codici binari, etc): la mente duale nei tarocchi è rappresentata dal Diavolo che, etimologicamente parlando (diabolum), è "ciò che divide" (contrapposto a simbolo-symbolum, "ciò che unisce").

Questa dualità che è così confortevole, e da cui abbiamo paura a staccarci, aspettando sempre il momento propizio posizionato in un prossimo futuro (“Come si si stesse aspettando qualcosa”, dice l’Oracolo a Neo).
Una volta trovato il coraggio di cambiare-morire, però, una volta percorso tutto il tunnel del bianconiglio, e magari essersi rotolati nella melma, si arriva dall’altra parte, laddove l’obiettivo è inevitabilmente uno.

Per dirla con Neo: “Mostrerò loro un mondo senza di voi, un mondo senza regole e controlli, senza frontiere e confini. Un mondo in cui tutto è possibile”. 

In conclusione, Matrix è un film bellissimo nell’estetica, nel ritmo e nei contenuti. 
Difficile trovare qualcosa di più in un unico film… e se l’aspetto esoterico-esistenziale a voi non interessa, rimangono sempre estetica e ritmo.

Fosco Del Nero



Titolo: Matrix (The matrix).
Genere: fantascienza, azione.
Regista: Andy e Larry Wachowski.
Attori: Keanu Reeves, Carrie-Anne Moss, Laurence Fishburne, Hugo Weaving, Gloria Foster, Marcus Chong, Julian Arahanga, Matt Doran, Joe Pantoliano, Belinda Mcclory.
Anno: 1999.
Voto: 9.
Dove lo trovi: qui.

lunedì 11 febbraio 2013

Delicatessen - Jean Pierre Jeunet, Marc Caro (film surreale)

Delicatessen è il quarto film di Jean Pierre Jeunet che recensisco, dopo i più famosi Il favoloso mondo di Amelie e Una lunga domenica di passioni e l’ugualmente sconosciuto La città dei bambini perduti.
In tutti e quattro si respira un senso di surreale, ma sempre con un tono leggero da commedia a lieto fine.

Protagonista della storia è Dominique Pinon, attore feticcio del regista francese, che se lo è portato persino sulla scena di Alien 4 - La clonazione (oltre che nei film prima citati).

Il film si svolge in un imprecisato futuro e in un imprecisato quartiere periferico di Parigi, dove gli abitanti di un palazzo, capitanati dall’arrogante macellaio, hanno trovato un modo originale per superare la crisi economica e alimentare di quei tempi.
Louison finirà in mezzo a codesto modo originale, dapprima come garzone del palazzo e poi come…

Delicatessen è una sorta di gioco di stile, una commedia al contempo leggera (nei toni) e pesante (nei contenuti, persino molto pesante), che diverte lo spettatore un po’ per la trama in sé, un po’ per i numerosi personaggi bizzarri e interessanti, e un po’ per alcune scene memorabili, come quella dell’incontro d’“amore” del macellaio che diventa una sorta di sinfonia dell’intero palazzo.

Il tutto, povertà, violenza e rivolta sociale, è alleggerito dalla storia d’amore, tenerissima, tra l’eccentrico Louison e l’ancora più eccentrica Julie, che poi è la figlia del macellaio-caporale.

Delicatessen, film particolare come pochi se ne trovano in giro (qualcuno direbbe "purtroppo"; io che sono appassionato di commedie francesi e di genere surreale dico "per fortuna"), piacerà senza dubbio ai fan di Jean Pierre Jeunet, di cui questa è l’opera prima scritta insieme al fumettista Marc Caro (e infatti il film sembra la ripresa cinematografica di una sceneggiatura su fumetto), e difatti è stato un bel viatico alla carriera del regista francese, che poi avrebbe conseguito un successo letteralmente planetario con Il favoloso mondo di Amelie nel 2001.

A mio avviso, da vedere, fosse solo per curiosità… o per la scena dell’ “amore sinfonico”.

Fosco Del Nero



Titolo: Delicatessen (Delicatessen).
Genere: commedia, surreale, fantastico.
Regista: Jean Pierre Jeunet, Marc Caro.
Attori: Dominique Pinon, Pascal Benezech, Jean-Claude Dreyfus, Marie-Laure Dougnac, Karin Viard, Ticky Holgado, Anne-Marie Pisani, Boban Janevski, Mikael Todde, Edith Ker, Jacques Mathou, Rufus, Howard Vernon, Chick Ortega, Jean-François Perrier.
Anno: 1990.
Voto: 7.
Dove lo trovi: qui.

lunedì 4 febbraio 2013

Nudi e felici - David Wain (film commedia)

In apparenza Nudi e felici sembrava una piacevole commedia umoristico-sentimentale con un tocco di originalità.

Ecco il perché dalla trama sommaria: George e Linda, marito e moglie, vivono a New York e inseguono il sogno di abitare nel prestigioso quartiere di West Village.
Prestigioso e costoso, e difatti i due, per potersi permettere anche solo un piccolo locale, devono sborsare una cifra notevole… che poi non potranno più sostenere dopo che George avrà perso il posto di lavoro e Linda avrà visto svanire i suoi sogni di gloria relativamente al documentario sui pinguini cui stava lavorando.

Conclusione: i due per questioni di soldi decidono di andare a vivere ad Atlanta, dove il fratello di George, Rick, gli garantisce un posto di lavoro, ma anche una certa dose di umiliazione e bassezze.

Altra conclusione: la coppia, trovatasi male dai parenti, decide di provare a vivere in quella simpatica e strana comunità incontrata per strada, l’Elysium, che li aveva ospitati dopo un incidente con la macchina.

In essa i due avranno a che fare con nudismo, vegetarianesimo, non violenza, meditazione, amore libero, presunte guide spirituali, etc etc.

Ora, se tale spunto di partenza avrebbe anche potuto generare una commedia di valore, e magari anche con dei valori umani importanti, in concreto ha mancato completamente il bersaglio, finendo per essere un film comico che fa ridere poco e che propone una serie piuttosto lunga di luoghi comuni e banalità sui temi sopra elencati, in modo probabilmente anche anacronistico, visto che si parla di argomenti e pratiche ormai sempre più diffuse e quindi ormai fuori mercato rispetto al facile umorismo.
E anche alla facile sensualità, per citare un’altro cliché del film.

La presenza di due bravi e simpatici attori come Paul Rudd e Jennifer Aniston non solleva che in minima parte una pellicola che parte anche benino, con qualche gag azzeccata, ma diventa ben presto inutile e insulsa.
Insomma, di mio vi consiglio di dedicare il vostro tempo a qualche altro film che non a Nudi e felici.

Fosco Del Nero



Titolo: Nudi e felici (Naked and happy).
Genere: commedia, comico, sentimentale
Regista: David Wain.
Attori: Paul Rudd, Jennifer Aniston, Justin Theroux, Alan Alda, Malin Akerman, Ken Marino, Joe Lo Truglio, Kathryn Hahn, Kerri Kenney-Silver.
Anno: 2011.
Voto: 4.
Dove lo trovi: qui.