Slide # 1

Slide 1

Nella vita bisogna avere il coraggio di volare.

Slide # 2

Slide 2

L'unico posto in cui puoi trovare la forza è dentro di te.

Slide # 3

Slide 3

Ogni tanto ricordati di amare qualcuno.

Slide # 4

Slide 4

Se vuoi che il mondo cambi, inizia a darti da fare tu stesso.

Slide # 5

Slide 5

Sai ancora sorprenderti dell'esistenza?

Corso di esistenza

mercoledì 17 ottobre 2018

Nothing - Due amici alle porte del nulla - Vincenzo Natali (film surreale)

Vincenzo Natali è un regista i cui lavori possono piacere o meno, ma certamente è un profilo originale.
Lo provano lavori come Cube – Il cubo, Cypher, Splice… e lo stessso Nothing - Due  amici alle porte del nulla recensito quest’oggi.

Il quale, ahimé, se brilla per originalità, non brilla invece per qualità e spessore, tanto che mi ha suggerito di non dedicarmi più al suddetto regista, giacché tre volte su quattro dal mio punto di vista non ne è valsa la pena…
… ma andiamo a vedere con calma.

Ecco la trama sommaria di Nothing - Due  amici alle porte del nulla, film per cui è davvero facile tracciare la trama sommaria: Dave ed Andrew sono due coinquilini con seri problemi psicologici; il primo è un fallito preso in giro dai colleghi e che la ragazza per cui lui aveva un debole ha usato per rubare soldi alla sua azienda utilizzando proprio lui come capro espiatorio, ragion per cui ora egli è ricercato dalla polizia; il secondo ha paura degli spazi aperti e per ciò non esce mai di casa, lavorando paradossalmente come agente di viaggio via internet e telefono.
Entrambi disadattati sociali, si tengono compagnia a vicenda evitando così la solitudine completa.
Se il primo è ricercato per il presunto furto all’azienda, il secondo lo è perché accusato di molestie da una bambina scout, una di quelle che negli Usa passano a vendere biscotti casa per casa… e, come se non bastasse, la casa in cui vivono deve essere demolita perché troppo vicina alle strade che le passano quasi accanto, in modo piuttosto surreale. Ma questa è la cosa meno surreale del film, giacché i due, assaliti da tanti problemi, desiderano che tutto sparisca per non essere più infastiditi, e la cosa succede come per magia.
Dave ed Andrew si trovano così in un enorme nulla: ci sono solo loro e la loro casa… e il loro nuovo potere di far sparire le cose, esterne e interne, cosa che vivacizzerà alquanto il loro rapporto.

L’idea di fondo è originale, e poteva essere sfruttata meglio, sia in termini di bellezza visiva sia in termini di bellezza e profondità interiore.
Per quanto è stato fatto, Nothing - Due  amici alle porte del nulla è un filmetto di scarso valore da ambo i punti di vista, che se la gioca su un campo facile e arriva a una conclusione inverosimile come tutto il film, e ancora oltre: senza senso, senza insegnamento, senza nulla.
E in effetti il nulla è lo stesso titolo del film, per cui quantomeno c’è coerenza in questo senso.

Personalmente, però, il film, basato su sentimenti bassi, su meschinità e su scarsa immaginazione, non mi ha colpito favorevolmente; e tra Splice e Nothing, Vincenzo Natali si è giocato il bonus di attenzione che si era guadagnato originariamente con The cube.

Fosco Del Nero



Titolo: Nothing - Due  amici alle porte del nulla (Nothing).
Genere: fantastico, surreale, drammatico.
Regista: Vincenzo Natali.
Attori: David Hewlett, Andrew Miller, Gordon Pinsent, Marie-Josée Croze, Andrew Lowery, Elana Shilling, Soo Garay, Martin Roach, Angelo Tsarouchas.
Anno: 2003.
Voto: 4.
Dove lo trovi: qui.

Il mondo dall'altra parte