Slide # 1

Slide 1

Nella vita bisogna avere il coraggio di volare

Slide # 2

Slide 2

L'unico posto in cui puoi trovare la forza è dentro di te

Slide # 3

Slide 3

Ogni tanto ricordati di amare qualcuno

Slide # 4

Slide 4

Se vuoi cambiare il mondo, inizia a darti da fare tu stesso

Slide # 5

Slide 5

Sai ancora sorprenderti dell'esistenza?

mercoledì 22 agosto 2012

Nosso Lar - Wagner de Assis (film esistenziale)

Nosso Lar è un film brasiliano girato nel 2009 e uscito al cinema nel 2010, ottenendo un grandissimo successo in Brasile e qualche consenso anche all’estero, dove però è rimasto in molti casi sconosciuto. 
Come in Italia, anche perché il film non è stato mai doppiato e difatti si trova solo sottotitolato.

Tale grande differenza di fama è dovuta al fatto che esso si basa sull’omonimo libro di Chico Xavier, un famosissimo medium brasiliano autore di centinaia di libri.
Come lo stesso Nosso Lar, che è considerato in patria un classico della letteratura spirituale.

Giusto per precisione, il film in inglese è conosciuto anche col nome di The astral cityAstral city: a spiritual journey.

Ecco in breve la sua trama, a dir poco ricca: Andrè Luiz è un importante medico, nonché un uomo pieno di sé, il quale muore per una malattia improvvisa che lo sottrae alla moglie e ai due figli. Subito dopo la morte, si ritrova in una sorta di paesaggio dantesco, e ovviamente parliamo di inferno, non di paradiso. In esso, ombra e tristezza (difatti il posto viene chiamato Umbral), dolore e anime in pena. Egli stesso soffre, e inoltre è perseguitato da degli esseri inquietanti che lo inseguono e gli urlano contro.
Dopo qualche tempo, e dopo molte preghiere, tre uomini luminosi, palesemente fuori posto in quella selva triste, vengono a salvarlo e lo portano in una sorta di ospedale, da dove comincerà la “nuova vita” di Andre Luiz, fisicamente e soprattutto spiritualmente.

Nosso Lar non sarebbe un film fantastico, ma il resoconto di quello che, secondo la testimonianza dell'autore e dell'entità che ha parlato con lui, ci aspetta dopo la morte (sperabilmente senza la “selva oscura”), tanto a livello visivo quanto a livello evolutivo (comprensivo di discorso di reincarnazione, karma, etc). Questo secondo è il punto centrale del film, e difatti lo spettatore del film parteciperà alla crescita spirituale di Andrè, che faticherà un poco a staccarsi dal suo egoismo tipicamente terrestre.
In effetti, semplicità e umiltà sono forse l'insegnamento maggiore della storia... ma c'è molto altro: il percorso evolutivo, la reincarnazione, la gestione delle energie interiori, il servizio agli altri, lo sforzo individuale, il non attaccamento, etc.

Il film, peraltro, interessantissimo nei contenuti, si giostra bene anche dal punto di vista visivo, con paesaggi e scenari spettacolari e molto ben realizzati, tanto nella sua parte dark quanto nella sua parte luminosa (in questo, sia per i contenuti sia per l'aspetto visivo appariscente, mi ha ricordato l'altrettanto ottimo Al di là dei sogni). Anche a livello di recitazione l'opera si dimostra valida.

Nosso Lar, essendo un film che propone sia bellezza esteriore che bellezza interiore, pur se inframmezzata da dolore e difficoltà emotiva, non può che meritarsi una valutazione elevata, nonché il mio spassionato consiglio di guardarlo, anche se con la “difficoltà” dei sottotitoli.

Chiudo la recensione con svariate frasi tratte dal film, che ne illustrano immediatamente il tenore.

"Come pensavo al mio passato realizzavo che le apparenze non sempre indicavano la realtà. A volte il nostro lato oscuro è travestito da una falsa immagine di tranquillità. Ma un giorno tutto viene a galla, e non è mai  troppo tardi."

"Succede l'impossibile: io muoio e mi sveglio in quel posto orribile, insieme a quei mostri. "
"Nostri fratelli: peccato che tu non li vedi così."

"La tua malattia è il risultato di una legge superiore."
"Quale legge?"
"Azione e reazione."

"Lo stato mentale è determinante per la storia dell'essere umano. Come avresti potuto immaginare che la rabbia, l'odio, l'invidia, l'egoismo e l'intolleranza avessero fatto parte della diagnosi?
Gli organi del corpo somatico hanno riserve incalcolabili, ma non  possono sopportare anno dopo anno il maltrattamento."

"Ora, André, approfitta del riposo e acquieta il tuo spirito.
L'afflizione non risolve i problemi.
Il bene nella vita è sempre ricominciare."

"La creazione mentale è pressoché tutto nella vita."

"Cerca di cambiare i tuoi pensieri, amico mio."
"Non è facile passare da quello che ho passato."
"La tua guarigione dipende anche da questo: è la legge della sintonia. I nostri sentimenti e pensieri stabiliscono dove staremo."

"La vita sulla Terra è come una "

"Nascere, morire, rinascere di nuovo: molte volte, tante volte quanto è necessario: è la legge."

"Poco a poco tutto iniziava ad avere senso: Nosso Lar era la vita reale, la nostra dimora, è la Terra solo un passaggio."

"Tutto si conquista attraverso il lavoro."

"Tutti i modi di servire sono una benedizione."

"Quando il servitore è pronto, il servizio appare a lui."

"Nella casa di mio padre ci sono molte dimore."

"Calma, riceverai aiuto, calma.
Tu sei protetto, protetto.
Abbi fiducia, tutto andrà bene."

"Anche se io cammino nelle valli delle ombre e della morte, non avrò niente da temere, perché il Signore è in me."

"Bisogna vivere ancora per evolversi; ci sono lezioni che solo la vita sulla Terra può darci.
La reincarnazione è la migliore scuola."

"La vita non finisce e la morte è un gioco di illusioni."

"Bisogna navigare nel proprio dramma e nella propria commedia fino a che avremo attraversato tutte le vie dell'evoluzione spirituale.
Solo così incontreremo le acque dell'oceano divino."

"Un'esistenza è un atto, un corpo è una veste, un secolo è un giorno, e la morte è il soffio rinnovatore."

Fosco Del Nero



Titolo: Nosso lar (Nosso lar).
Genere: fantastico, esistenza, drammatico.
Regista: Wagner de Assis.
Attori: Renato Prieto, Fernando Alves Pinto, Rosane Mulholland, Rodrigo dos Santos, Werner Schünemann, Inez Viana, Clemente Viscaíno, Aracy Cardoso.
Anno: 2010.
Voto: 8.5.
Dove lo trovi: qui.