Slide # 1

Slide 1

Nella vita bisogna avere il coraggio di volare

Slide # 2

Slide 2

L'unico posto in cui puoi trovare la forza è dentro di te

Slide # 3

Slide 3

Ogni tanto ricordati di amare qualcuno

Slide # 4

Slide 4

Se vuoi cambiare il mondo, inizia a darti da fare tu stesso

Slide # 5

Slide 5

Sai ancora sorprenderti dell'esistenza?

martedì 10 luglio 2018

Epic - Il mondo segreto - Chris Wedge (film animazione)

Ennesimo film d’animazione recensito su Cinema e film: stavolta è il turno di Epic - Il mondo segreto, film d’animazione uscito nel 2013 anche in formato 3D.
Io però l’ho visto su un normale schermo, per cui la mia sarà una recensione 2D.

Partiamo dal regista: è quel Chris Wedge che aveva già diretto, con grande successo, L’erà glaciale e Robots: un palmares breve ma molto promettente… perlomeno a livello di incassi.

Veniamo ora sinteticamente alla trama, precisando intanto che il genere si muove tra fantasy e natura, pur venato da un po’ di tecnologia semi-fantascientifica: a seguito della morte della madre, con cui stava, Mary Katherine torna dal padre, il Professor Bomba, che non vedeva da tempo e dal quale evidentemente la madre si era separata. Motivo della separazione: l’uomo, pur brillante scienziato, si era fissato con un’ipotetica popolazione minuscola che abitava nella foresta, all’interno della quale l’uomo era per l’appunto rimasto, collocando telecamere e sensori ovunque al fine di catturare o perlomeno riprendere qualche minuscolo abitante della foresta.
La ragazza, tuttavia, non tarda ad arrivare alle medesime conclusioni della madre (ossia che l'uomo è pazzo), tanto che decide di lasciare l’abitazione del padre.
Però capita un evento a dir poco sincronico… che la rende proprio come uno di quei minuscolo abitanti della foresta, e anzi avrà un ruolo decisivo nella lotta tra forze della vita (guidate da Ronin) e forze della morte (guidate da Mandrake… nota di biasimo per la scelta dei nomi, compresi anche il Professor Bomba, la Regina Tara, lumache Mub e Grub, etc), forze della luce e forze dell’oscurità, della creazione e della distruzione. Verrebbe da dire tra bene e male senonché il film si muove proprio all’interno di un discorso ciclico e di alternanza, per cui, seppur i “cattivi” vogliono rompere quell’equilibrio, si intuisce che vi è un equilibrio da rispettare, per l’appunto.
Un altro contrasto che propone il film è quello tra il grande e il piccolo, tra il lento e il veloce, e in ciò dona una bella dose di relativismo a chi guarda.

Come andrà a finire il film è piuttosto ovvio, e fin dall’avvio, giacché trattasi di una commedia fantasy animata per famiglie, che dunque prevede per contratto il lieto fine, nonché una massiccia dose di azione, umorismo leggero e buoni sentimenti.

In questo, e stante la poca originalità, che potrebbe far avvicinare il film a numerosi altri assai simili (Arthur e il popolo dei Minimei, Mune - Il guardiano della Luna, lo stesso Avatar, etc), il film dovrebbe ricevere una valutazione tiepida, essendo ben realizzato, visivamente d’effetto e con un’animazione ben fluida, ma non troppo innovativo.

Tuttavia, i suoi contenuti ne aumentano la valutazione, e anzi lo indirizzano perfettamente come prodotto educativo per l’infanzia, dal momento che non solo propone bellezza e buoni sentimenti, ma anche alcuni principi esistenziali, gettati qui e lì e in modo poco evidente, ma comunque presenti.

Si pensi, ad esempio, ai “rotoli della conoscenza”, concetto praticamente identico agli “annali dell’Akasha”.
Certo, da solo potrebbe essere una mera coincidenza, ma il film contiene svariate frasi di sapore esistenziale, e proprio con esse chiudo la recensione.

“Molte foglie, un solo albero.”
“Che significa?”
“Siamo singoli individui, ma sempre connessi tra noi.”

“Nessuno è mai solo.”

“La verità non è mai brutta come sembra.”

“Sei qui per una ragione. Forse ancora non riesci a capire quale sia, ma il fatto che tu non l’abbia capito non significa che non ci sia.
So che hai paura, ma resta con il baccello, sii presente quando si schiuderà… e poi riavrai quello che hai dato.”

“Ci sono cose che semplicemente si sentono…”

Fosco Del Nero



Titolo: Epic - Il mondo segreto (Epic).
Genere: animazione, fantasy, azione.
Regista: Chris Wedge.
Anno: 2013.
Voto: 7.
Dove lo trovi: qui.