Slide # 1

Slide 1

Nella vita bisogna avere il coraggio di volare

Slide # 2

Slide 2

L'unico posto in cui puoi trovare la forza è dentro di te

Slide # 3

Slide 3

Ogni tanto ricordati di amare qualcuno

Slide # 4

Slide 4

Se vuoi cambiare il mondo, inizia a darti da fare tu stesso

Slide # 5

Slide 5

Sai ancora sorprenderti dell'esistenza?

martedì 12 dicembre 2017

La spada nella roccia - Wolfgang Reitherman (film animazione)

Tra i film d’animazione di tutti i tempi, ma anche tra i film cui sono stato più affezionato nella mia infanzia, ha un posto d’onore La spada nella roccia, film diretto nel 1963 da Wolfgang Reitherman, e sorta di riscrittura fantasy e musicale del mito di Re Artù.

Anzi, per esser più precisi, non riscrittura del mito di Re Artù, ma scrittura della sua fanciullezza, di quegli anni mai descritti dalle leggende “adulte”.

Ecco così che Artù è un giovanissimo sguattero nel castello di Ser Ettore, e si appresta a far da scudiero a Ser Caio nelle giostre che si terranno a breve a Londra, utili a designare il nuovo Re d’Inghilterra, titolo vacante da lungo tempo dal momento che nessuno ha saputo estrarre la famosa spada nella roccia, la quale darebbe diritto immediato al titolo regale.

Se non fosse che Artù un bel giorno incontra Merlino, giunto in quei luoghi proprio per il sentore di qualcosa di importante e installatosi nella torre del suddetto castello: torre tanto vacillante, quanto fascinosa.
A far compagnia al mago Merlino, il gufo Anacleto, apparentemente burbero ma in realtà assai generoso e utile.

Artù, il quale però è chiamato dai suoi signori col soprannome di Semola, avrà così l’opportunità di ricevere un’educazione… sia tradizionale sia magica, visto che finirà nel corpo di un pesce e in quello di uno scoiattolo, e vedrà tante altre cose bizzarre.

La spada nella roccia è un film magico, nel senso letterale del termine e in quello immaginifico: immagini, parole e musica sono praticamente immortali, e configurano l’esempio perfetto di film educativo.
L’unico che gli sta alla pari tra i classici è Mary Poppins: e non parlo solo di qualità e di fama, ma di contenuti.

Il film d’animazione di Reitherman, infatti, propone, oltre che intrattenimento, tanti spunti: abbastanza tradizionali, e non tanto di tipo “esistenziale”, ma comunque sufficienti a porlo molti gradini sopra la quasi totalità dei film.

Ecco, a tal proposito, alcune frasi del film che mi sono segnato.

“Il destino lo guiderà fino a me perché io possa a mia volta guidarlo al suo legittimo posto nel mondo.”

“Cultura, saggezza: questa è la vera forza.
Istruzione superiore: ecco che ci vuole.”

“Destr, sinistr, destr, sinistr, uno, due.
Qui e lì, notte e dì, questo il mondo fa girar.
Bianco e ner, falso e ver, questo il mondo fa girar.
Per ogni qua c’è sempre un là, per ogni se c’è sempre un ma.
Per ogni su c’è sempre un giù, per ogni men c’è sempre un più.
Più o men, vuoto o pien, questo il mondo fa girar.”

“Sempre in alto mira e va, esci dalla mediocrità.
Non star solo ad aspettar ciò che per caso puoi trovar.
Se metti buona volontà, il mondo tutto ti darà.
Però se tu non rischierai, nulla mai rosicherai.”

“– Vedi, figliolo, questa faccenda dell’amore è una cosa potentissima.
– Più forte della gravità?
– Beh, sì, in un certo senso. Io direi che è la forza più grande sulla Terra.”

Immortale nella memoria è inoltre il duello magico tra Merlino e Maga Magò, sorta di confronto in chiave infantile tra la magia bianca (servizio agli altri) e la magia nera (servizio a sé).

La spada nella roccia, se vogliamo, ha un solo difetto: dura solamente 70 minuti, davvero poco.
Ma quel poco è bastevole per renderlo uno dei film d’animazione (e non solo) più belli di sempre.

Fosco Del Nero



Titolo: La spada nella roccia (The sward in the stone).
Genere: animazione, fantasy, avventura, musicale.
Regista: Wolfgang Reitherman.
Anno: 1963.
Voto: 9.
Dove lo trovi: qui.