Slide # 1

Slide 1

Nella vita bisogna avere il coraggio di volare.

Slide # 2

Slide 2

L'unico posto in cui puoi trovare la forza è dentro di te.

Slide # 3

Slide 3

Ogni tanto ricordati di amare qualcuno.

Slide # 4

Slide 4

Se vuoi che il mondo cambi, inizia a darti da fare tu stesso.

Slide # 5

Slide 5

Sai ancora sorprenderti dell'esistenza?

Corso di esistenza

venerdì 27 marzo 2009

Conversazioni con Dio - Stephen Deutsch (film drammatico)

Il film che recensisco oggi è un po’ particolare, e non certo perché sia ispirato a un libro, di cui porta anche il nome, ma per il contenuto del libro stesso, nonché per la vita dell’uomo che lo ha scritto.

Sto parlando di Conversazioni con Dio, film tratto dall'omonimo e vendutissimo libro di Neale Donald Walsch.

Il film, diretto da Stephen Deutsch, ripercorre proprio la vita dello scrittore, nei suoi alti e bassi, nel momento della povertà e dei cassonetti e in quello della fama e del successo.
Fama e successo derivanti, peraltro, proprio dal suddetto libro.

Libro che probabilmente andrebbe letto prima della visione del film, il quale, in mancanza del suo gemello, avrà plausibilmente un sapore mezzano, se non proprio di incompiutezza.

Ad ogni modo, ecco la storia di Conversazioni con Dio: Neale (Henry Czerny) in un lampo perde tutto, lavoro, famiglia e casa, ed è costretto ad arrangiarsi, privo di denaro e di un luogo in cui abitare.
La sua vita da barbone, va da sé, gli sta stretta, ed egli, dopo un primo momento di scoramento, lotta per risollevarsi e risalire la china.
In un successivo e nuovo momento di delusione, giunge l’evento inimmaginabile: Dio gli parla, e lo fa con chiarezza.
Lui prende appunti e poi pubblica un libro con le parole di Dio.

Badate che questa è la vera storia di Neale Donald Walsch, col libro (di cui trovate le recensione qui: Conversazioni con Dio) che inevitabilmente è diventato un caso editoriale e ha fatto molto discutere.

Inevitabile anche che si formino i partiti dei pro e dei contro, tanto per il libro, quanto per questo film. Il quale, peraltro, se visto isolatamente non ha un grande senso, giacché non si distingue per virtuosismi cinematografici e anzi per una sceneggiatura un po' povera.

Tuttavia, come “completamento” del libro, pare avere un suo perché (o magari, al contrario, per indirizzare alcune persone al libro e in generale alla narrativa esistenziale).
Comunque, l'ordine migliore a me pare quello di leggersi prima il libro Conversazioni con Dio e poi, nel caso si desideri, l'omonimo film.

In chiusura di recensione, aggiungo alcune frasi estratte dal film... il quale a sua volta le ha estratte dal libro.

"Non ne hai avuto ancora abbastanza?
Sei pronto adesso?"

"Ogni singola libera scelta che voi fate deriva da un pensiero di amore o da un pensiero di paura.
Non esistono altre scelte."

"Invece di preoccuparvi di quello che la gente pensa di voi, concentratevi invece su quello che voi pensate di voi stessi: è questo che conta."


"Non esiste separazione tra benessere economico e spiritualità: le due cose in realtà possono coesistere. Non trovate strano che viviamo in una società che tende a svalutare le occupazioni più importanti? 
Non abbiamo problemi a dare a un allenatore di football cinque milioni di dollari a stagione o a un attore dieci milioni per un film, ma siamo convinti che chiunque abbia a che fare con la spiritualità debba vivere povero, celibe o in astinenza... o meglio, tutte e tre le cose.
Ora provate a immaginare un mondo in cui il denaro viene dato a tutti quelli che ci dispensano i doni più grandi: insegnanti, artisti, infermieri..."

"L'universo opera a nostro favore continuamente e in ogni modo, nonostante le circostanze e le apparenze."

"Noi siamo esattamente le persone che abbiamo aspettato."

"Sei sveglio o dormi?"

"Io sono qui perché ho perso il mio lavoro."
"Tu sei qui perché hai perso te stesso."

"E' il momento di diventare un uomo. 
Un vero uomo, intendo: non un predatore.
Quanto in basso dovrai cadere per capire che il tuo comportamento è un tentativo di distruggere te stesso?
Guarisci da questo e sarai libero."

"Io parlo con tutti, continuamente.
La domanda è: chi mi ascolta?"

"La risposta è l'amore.
L'amore è tutto ciò che esiste."

"Voi avete creato intorno all'amore una realtà basata sulla paura, e questa realtà basata sulla paura domina la vostra esperienza dell'amore."

"Siete voi a stabilire le vostre regole.
Siete voi a fissare le linee guida."

"Che cosa farebbe ora l'amore?"

"Vivete la vostra vita senza aspettative, senza il bisogno di risultati specifici.
Questa è la libertà."

"Voi siete costantemente nell'atto di creare voi stessi.
In ogni momento voi decidete chi e che cosa siete."

"La sofferenza non ha niente a che fare con gli eventi, ma con la reazione che ciascuno ha verso di essi.
Ciò che accade è solo ciò che accade, ma come noi lo percepiamo è un'altra questione."

"La tua richiesta è una dichiarazione che ti manca qualcosa, e il dichiararlo produce quella precisa esperienza: il senso della mancanza della tua realtà."

"Io sono qui.
Sono proprio qui adesso."

"Siamo tutti una cosa sola; non esiste separazione."

"Non dovete preoccuparvi di come andare avanti.
I veri maestri sono quelli che hanno scelto di vivere, non di sopravvivere."

"Va' avanti, fa' qualsiasi cosa che ami veramente.
Non fare altro.
Hai così poco tempo; come puoi pensare di sprecare anche un solo momento facendo qualcosa che non ti piace? Questo non è vivere, questo è morire."

"Non sentirti abbandonato, perché io sono sempre con te."

Fosco Del Nero



Titolo: Conversazioni con Dio (Conversations with God).
Genere: drammatico, spirituale.
Regista: Stephen Deutsch.
Attori: Henry Czerny, Vilma Silva, T. Bruce Page Zillah Glory, Ingrid Boulting, Jerry McGill, Abdul Salaam El Razzac, Michael A. Goorjian, Michelle Merring.
Anno: 2006.
Voto: 6.5.
Dove lo trovi: qui.

Il mondo dall'altra parte