Slide # 1

Slide 1

Nella vita bisogna avere il coraggio di volare

Slide # 2

Slide 2

L'unico posto in cui puoi trovare la forza è dentro di te

Slide # 3

Slide 3

Ogni tanto ricordati di amare qualcuno

Slide # 4

Slide 4

Se vuoi cambiare il mondo, inizia a darti da fare tu stesso

Slide # 5

Slide 5

Sai ancora sorprenderti dell'esistenza?

martedì 9 luglio 2019

Maleficent - Robert Stromberg

Sono sempre un po’ titubante nell’accostarmi a un film Disney, per motivi ovvi.
Tuttavia, tendo a guardarmi perlomeno i film aventi avuto un grande successo: o per goderne anche io o per vedere come mai hanno avuto tutto quel successo.

Il candidato odierno è il famoso Maleficent, film diretto nel 2014 da Robert Stromberg, il quale peraltro era al suo esordio come regista, e infatti non l’avevo mai sentito.
Essenzialmente Maleficent è una rivisitazione della fiaba La bella addormentata nel bosco, di cui segue la storia non dalla solita prospettiva della ragazza addormentata, ma da quella della strega che l’ha fatta addormentare.

Ecco in grande sintesi il prologo di Maleficent: il regno degli uomini e il regno fatato della brughiera vivono vicini, ma non corre buon sangue tra di loro, e anzi si evitano a vicenda. Un bel giorno, però, il piccolo Stefano si spinge fino alla brughiera delle fate per rubare una gemma preziosa, e incontra l’altrettanto piccola Malefica, una fata-demone alato che vive nel regno magico, tra creature fantastiche di ogni tipo. I due fanno amicizia, continuano a frequentarsi con gli anni, e da adolescenti si innamoreranno. Tuttavia, Stefano cambierà, e preso dalle ambizioni della società umana non tornerà più dalla sua Malefica.
Ci tornerà, molti anni più tardi, quando il re del suo regno, Enrico, promette la mano di sua figlia e il trono a chiunque ucciderà proprio Malefica, divenuta nel mentre una sorta di guardiano della brughiera fatata.

Segue un primo commento sul film: visivamente, è incantevole, e rende onore alla sua ambientazione. Non è del tutto convincente, a dire il vero, ma il risultato generale è ottimo.
Il cast non mi ha convinto del tutto: Angelina Jolie dà bella prova di sé nella parte della Malefica grande (anche la Malefica bambina era caruccia), ma il resto degli attori sta al livello di macchiette o poco sopra; una cosa davvero curiosa per quanto è netta.
Il film si fa seguire volentieri, ed è ben fatto, tuttavia molti episodi della sceneggiatura non convincono per niente. E qua seguono alcuni fatti del film, che chi non vuole leggere farebbe meglio a saltare andando al capoverso successivo: il nome stesso della fata, Malefica, dato a una bambina carina e gentile, è senza senso, letteralmente senza senso… specie se poi l’innamorato si chiama Stefano (!?); il ragazzo sparisce non dando seguito al suo amore, e vabbé, capita… ma poi torna dopo molti anni, e dopo una tentata invasione umana ai danni della brughiera, e lei si fida come se niente fosse; lui le taglia le ali e lei non si accorge di niente e non prova dolore… se ne avvede da sveglia; le ali di lei non vengono distrutte, ma conservate, e ovviamente troveranno il modo di tornare dal loro proprietario; il re affida la vita di sua figlia a tre fatine deficienti, che peraltro si fanno scoprire fin da subito. Questi elementi rendono la storia del film davvero poco credibile, persino meno rispetto alle creature arboricole senzienti.

Molto bello, invece, il percorso interiore di Malefica, che parte innocente, viene incattivita dalla vita (dando così ragione al genitore che aveva voluto chiamarla Malefica), ma poi torna all’amore, spezzando la catena che qualcuno le aveva imposto.
Tale percorso sa tanto di ruota destinica e di evoluzione interiore, e da solo rende il film meritevole di visione.

Mezzo punto in più per la presenza di un personaggio di nome Fosco… anche se uno che si chiama così dovrebbe avere garantito un ruolo più importante.

Fosco Del Nero



Titolo: Maleficent (Maleficent).
Genere: fantasy, drammatico.
Regista: Robert Stromberg.
Attori: Angelina Jolie, Elle Fanning, Sharlto Copley, Lesley Manville, Imelda Staunton,Juno Temple, Sam Riley, Miranda Richardson, India Eisley.
Anno: 2014.
Voto: 6.5.
Dove lo trovi: qui.