Slide # 1

Slide 1

Nella vita bisogna avere il coraggio di volare

Slide # 2

Slide 2

L'unico posto in cui puoi trovare la forza è dentro di te

Slide # 3

Slide 3

Ogni tanto ricordati di amare qualcuno

Slide # 4

Slide 4

Se vuoi cambiare il mondo, inizia a darti da fare tu stesso

Slide # 5

Slide 5

Sai ancora sorprenderti dell'esistenza?

mercoledì 15 febbraio 2017

Daybreakers - L’ultimo vampiro - Michael Spierig, Peter Spierig (film fantastico)

Dei fratelli Spierig avevo visto di recente il buon Predestination, tanto buono da segnarmi un altro film dei due registi, di qualche anno precedente: Daybreakers - L’ultimo vampiro.

Il protagonista peraltro è il medesimo, ossia Ethan Hawke (Gattaca - La porta dell'universo, Waking life - Risvegliare la vita), affiancato da Willem Dafoe (L’ombra del vampiro, Il luogo delle ombreExistenz, C'era una volta in Messico, Grand Budapest Hotel), Claudia Karvan e Sam Neill (L’uomo bicentenario, District 9, Merlino).

Ecco la trama del film, che si muove tra genere fantastico, horror, e drammatico… ma che in realtà si può sin dal principio leggere come una grande metafora sul vegetarianesimo e lo sfruttamento degli animali, e visto in questo senso è davvero “didattico”: siamo nel 2019, quando il solito misterioso e potentissimo virus ha trasformato quasi tutta l’umanità in vampiri (o zombie o vampiri: la scelta di solito è questa).

La differenza rispetto a tante pellicole similari è che il mondo non è precipitato nel caos, ma, molto semplicemente, si è tramutato in un mondo governato perfettamente dai vampiri, organizzato e perfino assolutamente civile…
… se non si conta il piccolo particolare per cui vi sono allevamenti di esseri umani il cui scopo è quello di estrarre il loro sangue perché i vampiri se ne possano nutrire.

Proprio come la maggioranza dell’umanità ancora fa con gli animali, per l’appunto, e vederla dal lato psicologico delle vittime è un altro discorso (o meglio, per me è lo stesso, ma forse farà specie a tanti).

Sta di fatto che, in questo scenario, vi sono persone-vampiri che per motivi etici si rifiutano di bere il sangue umano, e che cercano da un lato di risparmiare sofferenze agli uomini negli allevamenti, e dall’altro di trovare una forma di nutrimento alternativa…
… anche perché le riserve di sangue umano stanno finendo giacché quel tipo di alimentazione non era sostenibile (...), cosa che porta molti vampiri “in astinenza” a diventare vampiri nel senso tradizionale del termine, ossia belve senza senno assetate di sangue e violenza.

Il protagonista della storia è Edward Dalton (Ethan Hawke), un vampiro che non beve sangue umano e che con le sue ricerche cerca di porre rimedio al doppio problema etico da un lato e nutrizionale dall’altro. Ma il tempo stringe, le riserve di sangue sono sempre meno… e soprattutto egli incontra per caso due esseri umani: Lionel "Elvis" Cormac (Willem Dafoe) e Audrey Bennett (Claudia Karvan), che gli chiedono di lavorare con loro… mentre il suo capo Charles Bromley (Sam Neill) ha una visione del tutto differente, e si candida dunque al ruolo di cattivo.

Daybreakers - L’ultimo vampiro ha dunque questa fortissima componente etica, che non può sfuggire, io credo, neanche al più distratto tra gli spettatori, anche se nel corso del film la cosa un po’ sfuma tra azione, sparatorie, scene splatter, scene horror, etc, tanto che del film rimane alla fine più una sensazione di storia dinamica, ma al contempo di atmosfera, curata e affascinante.

Per quanto a volte ciò che avviene non è del tutto credibile e coerente con la storia interna, e questo un po’ condiziona la valutazione al ribasso.

Ma solo in parte, e Daybreakers - L’ultimo vampiro rimane un film di buon valore e buon interesse, che conferma il buon talento dei fratelli Spierig.

Fosco Del Nero



Titolo: Daybreakers - L’ultimo vampiro (Daybreakers).
Genere: fantastico, fantascienza, horror, drammatico, azione.
Regista: Michael Spierig, Peter Spierig.
Attori: Ethan Hawke, Willem Dafoe, Claudia Karvan, Michael Dorman, Vince Colosimo, Isabel Lucas, Sam Neill, Christopher Kirby, Mungo McKay.
Anno: 2001.
Voto: 6.5.
Dove lo trovi: qui.