Slide # 1

Slide 1

Nella vita bisogna avere il coraggio di volare

Slide # 2

Slide 2

L'unico posto in cui puoi trovare la forza è dentro di te

Slide # 3

Slide 3

Ogni tanto ricordati di amare qualcuno

Slide # 4

Slide 4

Se vuoi cambiare il mondo, inizia a darti da fare tu stesso

Slide # 5

Slide 5

Sai ancora sorprenderti dell'esistenza?

lunedì 23 giugno 2008

Pom Poko - Isao Takahata (anime)

Un'altra produzione dello Studio Ghibli e un altro bel film, sebbene probabilmente un poco sotto gli standard della casa nipponica... ma solo perché gli standard dello Studio Ghibli sono altissimi (Nausicaa, La città incantata, Il castello errante di Howl, etc).

Pom Poko nasce da un soggetto di Hayao Miyazaki, ma è diretto da Isao Takahata.
L'impronta del maestro, comunque, si vede tutta, sia nella tematica ambientalista, sia nel tono delle vicende, a metà tra impegno e umorismo.

Tecnicamente, inoltre, Pom Poko è un film fantastico, giacché i protagonisti dello stesso sono dei procioni parlanti e dotati di poteri magici.
Sì, avete letto bene!

La trama in breve è la seguente: la colonia dei procioni viveva tranquilla nelle montagne, quando le stesse sono state invase dagli uomini e dal loro progetto di espansione urbana.
Il progetto umano era quello di realizzare dal niente una città, Tama New Town, di circa 300.000 abitanti.

Va da sé che i procioni non gradiscono questa espansione, e decidono di contrattaccare.
In seno alla colonia, tuttavia, vi sono due correnti di pensiero: quelli che vorrebbero un'azione forte e violenta, atta a dissuadere definitivamente gli uomini, e quelli che preferirebbero una linea più soft, utile a far capire agli umani che non sono graditi, senza tuttavia scatenare una vera e propria guerra.

Queste due linee di pensiero si alternano, con i procioni impegnati sia in vere e proprie azioni omicide, sia in messinscene dal taglio più burlesco.
In entrambi i casi, essi si avvalgono di un loro potere, coltivato all'occorrenza: la metamorfosi.

Sì, perché nel film i procioni, come altri animali (le volpi per esempio), possono mutare il loro corpo, assumendo le sembianze più disparate, tanto che la zona acquisterà presto fama di luogo infestato dai fantasmi (divertente in particolare la scena del poliziotto e delle persone senza faccia).

Il contrattacco dei procioni subisce però un inconveniente: la cultura umana si affaccia lentamente nella loro vita, sotto forma di televisione, hamburger, patatine fritte, etc.
In sostanza, essi non vogliono più che gli uomini se ne vadano, per non dover rinunciare a queste cose, ma desiderano solo che non invadano i loro territori.
Ma l'uomo non si ferma, e in breve i procioni avranno intorno a sé molto cemento e poco cibo.
Chiameranno dunque in occorso tre procioni santoni esperti nell'arte della metamorfosi...

Va detto che i disegni sono ottimi, anche se la cosa era quasi scontata, trattandosi di un prodotto dello Studio Ghibli.
Ciò che colpisce maggiormente di Pom Poko è il mix tra commedia e dramma: entrambi gli elementi sono molto forti, e il film d'animazione sa far ridere quanto riflettere.

Inevitabilmente, si finisce per tifare per i procioni, vittime dell'urbanizzazione umana, descritti come una razza allegra e positiva nonostante le difficoltà.
Commovente il finale del film, con una canzone essa stessa miscuglio tra spirito drammatico e ludico.

Fosco Del Nero



Titolo: Pom Poko (Heisei Tanuki Gassen Ponpoko).
Genere: anime, animazione, fantastico, drammatico.
Regista: Isao Takahata.
Anno: 1994.
Voto: 7.5.
Dove lo trovi: qui.