Slide # 1

Slide 1

Nella vita bisogna avere il coraggio di volare

Slide # 2

Slide 2

L'unico posto in cui puoi trovare la forza è dentro di te

Slide # 3

Slide 3

Ogni tanto ricordati di amare qualcuno

Slide # 4

Slide 4

Se vuoi cambiare il mondo, inizia a darti da fare tu stesso

Slide # 5

Slide 5

Sai ancora sorprenderti dell'esistenza?

domenica 29 marzo 2009

Colpo d’occhio - Sergio Rubini (film drammatico)

Colpo d’occhio è il terzo film di Sergio Rubini recensito su Cinema e film, dopo Il viaggio della sposa (1997) e La terra (2006).
I due precedenti li avevo decisamente graditi, specialmente il più risalente Il viaggio della sposa, film dal sapore molto particolare.

E, posto che stimo molto Rubini come attore e come regista, avevo buone aspettative anche su questo Colpo d’occhio… aspettative però parzialmente deluse, visto che il film non mi ha convinto del tutto.

In breve, ecco la trama: Adrian Scala (Riccardo Scamarcio) è un giovane scultore, alle prese con la difficoltà di emergere dei giovani artisti.
A una mostra, egli conosce Gloria (Vittoria Puccini), e tra i due nasce subito una forte intesa.
Gloria, però, è fidanzata con Pietro Lulli (Sergio Rubini), prima suo tutore, alla morte del padre di lei, e poi suo amante.

Adrian e Gloria fuggono insieme, ma Pietro torna nella loro vita, essendo un importante critico e organizzatore di mostre, tanto da diventare infine lo sponsor di Adrian… la cui storia d’amore con Gloria nel mentre vacilla…

Ecco cosa non mi ha convinto di Colpo d’occhio.
Intanto, la prima parte del film (ossia la più importante) è troppo rapida, e dà l’impressione di essere frettolosa, con l’incipit che non pare troppo solido.

Poi, le psicologie dei personaggi sembrano troppo mutevoli, con capovolgimenti di fronte che sanno molto di escamotage cinematografico, e non un'evoluzione spontanea dei personaggi stessi.

Ancora, ma questo è un parere personale, la coppia Scamarcio-Puccini sembra male assortita.

Interessante invece il personaggio di Sergio Rubini, che oscilla sempre tra il benefattore e il manipolatore, con quest’ultima sensazione che alla fine si dimostrerà definitiva.

In definitiva, Colpo d’occhio è un film che offre qualche spunto (buoni attori, esplorazione del mondo dell’arte, pericolosi incroci tra i personaggi, etc), ma che non si eleva al di sopra della sufficienza.

Sergio Rubini a mio modesto avviso può fare di meglio.

Fosco Del Nero



Titolo: Colpo d’occhio (Colpo d’occhio).
Genere: drammatico, commedia.
Regista: Sergio Rubini.
Attori: Riccardo Scamarcio, Vittoria Puccini, Sergio Rubini, Paola Barale, Richard Sammel, Emanuele Salce, Giorgio Colangeli, Giancarlo Ratti, Alexandra Prusa.
Anno: 2008.
Voto: 6.
Dove lo trovi: qui.