Slide # 1

Slide 1

Nella vita bisogna avere il coraggio di volare

Slide # 2

Slide 2

L'unico posto in cui puoi trovare la forza è dentro di te

Slide # 3

Slide 3

Ogni tanto ricordati di amare qualcuno

Slide # 4

Slide 4

Se vuoi cambiare il mondo, inizia a darti da fare tu stesso

Slide # 5

Slide 5

Sai ancora sorprenderti dell'esistenza?

domenica 23 agosto 2009

Miami guns - Takeaki Momose (manga)

Dopo avere recensito Macross 7 Trash, manga che ho letto interamente (se lo meritava, per quanto non fosse un capolavoro), torno ora alla serie di numeri uno, di cui ho già recensito alcuni esemplari.

Numeri uno comprati a caso, per tentare la sorte… con risultati non molto incoraggianti, visto che su una decina ne ho trovato solo un paio decenti, di cui varrebbe la pena continuare la lettura.

Sfortuntamente, non è certo il caso di Miami guns, disegnato da Takeaki Momose tra il 1997 e il 1999, e consistente in 4 tankobon (ossia i volumi giapponesi, che mediamente sono più spessi e corposi di quelli tipici italiani, anche se molte testate di manga si sono adeguate alle dimensioni degli originali).

Ad ogni modo, ecco in breve la trama della storia: Yao Sakurakouji è una liceale figlia di uno degli uomini più ricchi e in vista della sua città, Miami.

Tre caratteristiche la contradistinguono:
- è molto bella (col mangaka che non si tirerà indietro dal mostrare in abbondanza le sue grazie),
- ha una fissa per inseguimenti, sparatorie, etc,
- è abbastanza fuori di testa.

La ragazza decide di arruolarsi in polizia per sfogare le sue tendenze violente, ma troverà una serie di ostacoli...

Conoscerà inoltre Lu Amano (nome che peraltro ricorda molto la celeberrima Ai Amano di Video Girl Ai), anch’essa una bella figliola, nonché figlia del capo della polizia, postale accanto per tenerla d’occhio e limitarla nelle sue turbolenze.

Miami guns, in buona sostanza, si compone di questi due spunti: le scene sexy con le due belle protagoniste e le scene d’azione.
Onestamente, troppo poco per meritare un voto sulla sufficienza, contando che persino il tratto grafico non brilla per meriti particolare, e anzi è piuttosto ordinario.

Pure l’umorismo, su cui l’opera dovrebbe puntare molto posto che si tratta di una commedia, risulta assai piatto e poco coinvolgente.

Probabilmente l’unico lato positivo del fumetto è quello di durare pochi volumetti… volumetti che comunque vi consiglio di non comprare, a meno che da un manga non vogliate proprio quei due elementi (belle ragazze e azione) e nient’altro (perché nient’altro c’è).

Fosco Del Nero



Titolo: Miami guns (Maiami ganzu).
Genere: manga, commedia, poliziesco.
Autore: Takeaki Momose.
Anno: 1997-1999.
Voto: 4.5.
Dove lo trovi: qui.