Slide # 1

Slide 1

Nella vita bisogna avere il coraggio di volare

Slide # 2

Slide 2

L'unico posto in cui puoi trovare la forza è dentro di te

Slide # 3

Slide 3

Ogni tanto ricordati di amare qualcuno

Slide # 4

Slide 4

Se vuoi cambiare il mondo, inizia a darti da fare tu stesso

Slide # 5

Slide 5

Sai ancora sorprenderti dell'esistenza?

lunedì 29 novembre 2010

La bussola d’oro - Chris Weitz (film fantasy)

Da poco sul sito sono passati diversi film fantasy-fantastici.

Quello di oggi si trova a metà strada tra i due: parlo de La bussola d’oro di Chris Weitz, film tratto dai romanzi di Philip Pullman.

Intanto, per gli smemorati (o, semplicemente, per quelli che semplicemente guardano film migliori), ricordo che Chris Weitz è il regista di New moon, il seguito di Twilight, e altresì sottolineo che gli attori principali di questo La bussola d’oro sono da un lato la giovanissima Dakota Blue Richards (vista nell’altro fantasy Moonacre - I segreti dell'ultima luna) e dall’altro la più navigata Nicole Kidman (Eyes wide shut, Moulin Rouge, The others).

La trama de La bussola d’oro sostanzialmente si colloca a metà tra fiaba per bambini e film fantasy per i grandi, pur pendendo più dal primo lato.

Ed eccola, la trama: in un mondo alternativo al nostro, vivono uomini, orsi parlanti, streghe, etc.
L’aspetto peculiare (persino ancora più peculiare del fatto che gli orsi parlano) è che ogni essere umano ha il proprio daemon, ossia la rappresentazione in forma fisica della propria anima, che dunque è esterna all’individuo, e non interna, in una sorta di rapporto simbiotico.

Tuttavia, alcuni loschi figuri, detto Ingoiatori, tramano per separare i bambini dal loro daemon, per scopi oscuri (ma presumibilmente poco nobili), tanto che molti bambini spariscono, o vengono ritrovati privati della loro preziosa controparte.

La piccola ma sveglia Lyra (Dakota Blue Richards, davvero brava) si troverà a indagare sul fenomeno, prima tra le mura dell’istituto in cui viene educata e protetta dal suo zio e tutore Lord Asriel (Daniel Craig), e poi sotto l’ala dell’affascinante Mrs. Coulter (Nicole Kidman).

Nella storia poi confluiranno molti personaggi e gruppi, come i Gyziani, o gli stessi orsi polari.

La bussola d’oro ha punti forti evidenti, e punti deboli altrettanto evidenti, che ne limitano la valutazione verso il basso.
Tra i primi la grande cura estetica (fotografia, montaggio, costumi, etc), l'incipit assolutamente accattivante, le atmosfere fantasy ben riuscite, qualche spunto notevole (come l’idea dei daemon… che ovviamente è del libro, però, non del film).

Tra i secondi, lo sviluppo della trama un po’ zoppicante e frettoloso (cosa peraltro tipica delle conversioni cinematografiche da romanzi), dei personaggi non certo memorabili, e un clima generale un po’ freddino (e non per colpa degli orsi polari), come se si trattasse di una buona tesi compilativa, ma priva di spessore e del colpo di genio.

Peccato, perché la fama della saga letteraria (che non ho avuto il piacere di leggere) è ottima, soprattutto tuttavia per l’aspetto psicologico introspettivo, che non per quello spettacolaristico… e forse in questo ha difettato questa trasposizione cinematografica, che risulta sufficiente ma nulla più.

Fosco Del Nero



Titolo: La bussola d’oro (The golden compass).
Genere: fantastico, fantasy.
Regista: Chris Weitz.
Attori: Dakota Blue Richards Nicole Kidman, Sam Elliott, Eva Green, Daniel Craig, Ben Walker, Adam Godley, Nonso Anozie, Tom Courtenay, Simon McBurney, Jim Carter Charlie Rowe.
Anno: 2007.
Voto: 6.
Dove lo trovi: qui.