Slide # 1

Slide 1

Nella vita bisogna avere il coraggio di volare

Slide # 2

Slide 2

L'unico posto in cui puoi trovare la forza è dentro di te

Slide # 3

Slide 3

Ogni tanto ricordati di amare qualcuno

Slide # 4

Slide 4

Se vuoi cambiare il mondo, inizia a darti da fare tu stesso

Slide # 5

Slide 5

Sai ancora sorprenderti dell'esistenza?

mercoledì 1 dicembre 2010

Harry Potter e i doni della morte - Parte 1 - David Yates (film fantasy)

Ecco la recensione di quello che senza dubbio è stato il film più atteso del 2010 (probabilmente al pari del solo Avatar): Harry Potter e i doni della morte.

Harry Potter e i doni della morte - Parte 1, dovremmo dire, visto che la produzione, per la prima volta, ha scelto di suddividere uno dei romanzi della Rowling in due parti, in modo da contenere più particolari, spesso sfuggiti nei singoli film tratti dai precedenti libri (e anche in modo da guadagnarci di più, ma questo non sta bene dirlo).

La regia del film, come nel caso dei due precedenti lavori, il discreto Harry Potter e l’Ordine della Fenice e il carente Harry Potter e il Principe Mezzosangue, è stata affidata a David Yates, il regista che – ahimè – personalmente ritenevo meno adeguato alla saga del maghetto inglese, e non a caso la critica ha premiato assai meglio i lavori di registi ben più dotati come Chris Columbus (Harry Potter e la pietra filosofale, Harry Potter e la camera dei segreti), Alfonso Cuaròn (Harry Potter e il prigioniero di Azkaban) e Mike Newell (Harry Potter e il calice di fuoco).
Ad ogni modo, a Yates è stato offerto anche questo ultimo episodio e tanto ci basti.

Ma andiamo ora a vedere dove eravamo rimasti con la trama.
La morte di Silente ha lasciato tra le fila dei buoni un vuoto di cui Voldemort e i Mangiamorte si approfittano facilmente, prendendo il controllo tanto del Ministero della Magia, quanto della scuola di Hogwarts (con Severus Piton nuovo preside).
Quanto a Harry, Hermione e Ron, i tre sono in sostanza in esilio forzato, ricercati dai Mangiamorte e dal canto loro impegnati a cercare gli horcrux di Voldemort, allo scopo di distruggerli.
Il risultato è un film totalmente “in esterna”, tanto che la scuola di Hogwarts non si vede per nulla.

I tre eroi dunque si trovano spesso in paesaggi naturali e spesso contemplativi, e non a caso a differenza degli altri film sono frequenti i silenzi introspettivi e la colonna sonora ha un’importanza minore.

Sfortunatamente, bissando il basso livello del film precedente, Yates non fa centro neanche stavolta, visto che il suo esperimento riesce solo in parte, consegnandoci un film monco per sua stessa decisione (oddio, non so se sua o imposta dalla produzione, ma tant’è) e comunque privo di quel senso del magico (misto ad azione e temi più leggeri) di cui al contrario le prime quattro pellicole erano pregne.

Il regista conferma la sua decisa predisposizione per le atmosfere horror-gotiche fin dall’avvio, che in realtà è molto efficace e pare promettere un film di qualità, ma continua a difettare in alcuni punti imprescindibili.

I personaggi sono caratterizzati male, i dialoghi non sono efficaci, la fotografia non è minimamente all’altezza dei predecessori, i tentativi di umorismo sono grossolani e risibili, e per di più molti spunti importanti sono ignorati o liquidati con scene insulse da pochi secondi, come per esempio la scoperta dell’identità di R.A.B., la morte di Malocchio Moody, il rapporto tra Silente e Grindelwald, la rottura della bacchetta di Harry, il crescente amore tra lo stesso Harry e Ginny, che negli ultimi due libri ha una valenza assai importante e che Yates ha bellamente ignorato, cosa che peraltro ha fatto anche nei film precedenti, evidentemente non essendo proprio portato per la descrizione dei rapporti umani (ci sta, per carità, ma in tale circostanza non è il caso di dirigere film in cui viceversa sono alquanto importanti).

Per non parlare poi di quello che a mio avviso è uno dei due momenti più toccanti di tutta la saga letteraria, ossia la dichiarazione d'amore di Fleur a Billy Weasley, comprensiva di scena d’affetto con mamma Winsley, con cui fino a quel momento la bella francese era stata sul piede di guerra (nel libro; nel film non c'è nulla di tutto ciò).

Insomma, si è capito che Yates non è il massimo in fatto di relazioni interpersonali ed emozioni, ed è invece più portato per i colori cupi e le scene orrorifico-dark.

Tirando le somme, Harry Potter e i doni della morte - Parte 1 è, forse, appena meglio del precedente tentativo, ma purtroppo siamo ben lontani dai film di Columbus, Cuaròn e Newell.

Fosco Del Nero


ADDENDUM del 27/08/20: anche questo settimo film della saga cinematografica si guadagna un addendum a distanza di quasi dieci anni dalla recensione; meno corposo rispetto a svariati film che lo hanno preceduto, ma comunque di un qualche rilievo.

Il Ministero della Magia cade, e con ciò l'opera di totalitarizzazione del regime procede: la scuola viene messa sotto controllo, l'informazione diventa non più pilotata ma del tutto asservita agli scopi del sistema; nella politica vengono piazzati i giusti servi nei posti chiave.
Come sempre accade nei regimi totalitari, o comunque corrotti, vengono premiati coloro che hanno servito bene, e puniti i dissidenti... se non additati addirittura come pericoli pubblici, come "untori", oggetto di campagne mediatiche denigratorie.
Anche questo suona parecchio familiare.

Addirittura s'inizia a vedere una sorta di polizia di stato che blocca le persone senza motivo, e parimenti senza motivo, o con scuse risibili, le arresta o le condanna (o le ricatta).
A tal proposito, è assai valida e descrittiva, nonché attuale, una frase di Ron: "Il mondo è folle".

I Mangiamorte vedono gli esseri umani veri e propri,, ossia i babbani, come carne da macello, come bestie con cui si può fare quel che si vuole. Questo è esattamente il modo in cui certi gruppi di potere vedono l'umanità nel suo complesso, e da millenni: servi, persino oggetti.

Un altro insegnamento importante di Harry Potter è che per sconfiggere un sistema corrotto fin nel suo interno occorre uscirne fuori; solo così si può avere successo.
Hanno così successo, dal punto di vista economico, i gemelli Winsley che decidono d'abbandonare la scuola ormai degradata e svuotata di contenuti; e ha successo il trio di amici, Ron, Harry ed Hermione (rispettivamente, corpo fisico, corpo emotivo e corpo mentale), dal punto di vista della ricerca e dell'azione, che escono del tutto dai canali e dagli ambienti abituali (al contrario di quelli che rimangono all'interno del sistema: insegnanti, studenti, dipendenti del ministero, etc, i quali non a caso non riescono a opporsi).
Questo è un insegnamento culturale in senso generale e politico in senso particolare: quando si instaura un regime, non serve adire le vie legali, perché sono corrotte esse stesse, ma occorre sovvertire tutto quanto.



Titolo: Potter e i doni della morte - Parte 1 (Harry Potter and the deathly hallows: part I).
Genere: fantasy, fantastico, drammatico.
Regista: David Yates.
Attori: Daniel Radcliffe, Emma Watson, Rupert Grint, Alan Rickman, Ralph Fiennes, Helena Bonham Carter, Bonnie Wright, Maggie Smith, Jamie Campbell Bower, Tom Felton, Evanna Lynch, Bill Nighy, Julie Walters, Michael Gambon, John Hurt.
Anno: 2010.
Voto: 5.
Dove lo trovi: qui.