Slide # 1

Slide 1

Nella vita bisogna avere il coraggio di volare

Slide # 2

Slide 2

L'unico posto in cui puoi trovare la forza è dentro di te

Slide # 3

Slide 3

Ogni tanto ricordati di amare qualcuno

Slide # 4

Slide 4

Se vuoi cambiare il mondo, inizia a darti da fare tu stesso

Slide # 5

Slide 5

Sai ancora sorprenderti dell'esistenza?

martedì 26 marzo 2019

Il cigno nero - Darren Aronofsky

Da tempo mi ero segnato Il cigno nero, ma non lo avevo ancora visto dal momento che sapevo che si trattava di un film piuttosto drammatico. 
Se ho proceduto a vederlo è solo per via del regista, quel Darren Aronofsky autore di lavori di ottimo valore, come L’albero della vita o Requiem for a dream, o più in generale di film particolari come Pi greco - Il teorema del delirio o lo stesso Noah.

La particolarità dei suoi lavori, peraltro, per me riveste un doppio interesse, dal momento che spesso si finisce ai margini delle tematiche esistenziali… seppure solo ai margini, per l’appunto, e Aronofsky non si addentra veramente.

La valutazione de Il cigno nero per certi versi è facile, mentre per altri versi è meno semplice.
Partiamo da ciò che è facile: il film è realizzato ottimamente, la recitazione è superba e il montaggio è ugualmente ottimo.
Introduciamo ora ciò che normalmente mi farebbe valutare in modo assai più negativo un film: la storia è drammatica e pesante, oscillante tra dramma umano e turbe psicologiche… e si tratta di un genere di film (più in generale un genere di energie) che non mi è molto congeniale e che dunque non mi attira.
Terminiamo col terzo punto, il quale torna a far pendere l’ago della bilancia dal lato positivo: Il cigno nero è un’enorme allegoria sulla vita interiore e sul fatto che i demoni sono sempre interni… messaggio in sé breve e semplice ma che vale probabilmente a Il cigno nero la palma di film di maggior valore tra i film di Darren Aronofsky (di cui non ho visto The wrestler, ma spero mi perdonerà se non lo guarderò mai).

Natalie Portman è semplicemente monumentale, e dimostra in questo film di essere una grande attrice, e non solo una bella ragazza-donna che è stata fortunata ad aver ricevuto parti in film importanti come Star wars: Episodio I - La minaccia fantasma, V per Vendetta, Closer, e non a caso ha ricevuto dei premi per questa interpretazione, così come il film ha ricevuto caterve di premi.
Belle le prove anche dei comprimari Vincent Cassel (L’odioNemico pubblico N.1 - L'istinto di morteLa promessa dell’assassinoIl racconto dei raccontiIl patto dei lupi) e Mila Kunis (Il grande e potente OzJupiter - Il destino dell’universoThat 70's show). Nel film c’è anche Winona Ryder, ma in una parte essenzialmente trascurabile.

Vi dico la verità: pur essendo immancabilmente ben fatti, e a volte anche interessanti come contenuti, i film di Darren Aronofsky li vedo una volta sola e poi li mando in pensione, giacché sono effettivamente molto pesanti e densi come energie… e dunque una volta sola basta, e anzi, a seconda dello spettatore, non sarebbe una brutta idea evitare anche quella singola volta.

Probabilmente dunque non vedrò più Il cigno nero, ma sarà inevitabile ricordarmelo per tutta la vita, data la sua intensità e il suo significato simbolico, senza contare che a tratti offre anche sprazzi di bellezza visiva, pur immersa in molta tristezza interiore.

Dimenticavo la trama: Nina Sayers (Natalie Portman) è una ballerina molto attenta all’esecuzione tecnica, ma assai meno portata per l’aspetto emotivo-interpretativo. La sua stessa vita è molto fredda e scialba, e anzi essa si rivela assai immatura, una sorta di bambina cresciuta solo nel corpo, non aiutata in questo dalla madre che effettivamente la tratta come una bambina (beh, ma non a torto, col senno di poi).
Le cose si vivacizzeranno, diciamo così, nel momento in cui essa verrà scelta dal suo maestro di danza Thomas Leroy (Vincent Cassel) per interpretare la prima ballerina nella sua versione de Il lago dei cigni, che prevede il doppio ruolo di cigno bianco (per il quale la donna è già perfetta) e di cigno nero (per il cui ruolo viceversa occorre una qualche miglioria-trasformazione).
Ad aiutarla nella trasformazione necessaria, lo stesso Leroy, nonché la collega Lily (Mila Kunis), con la quale Nina svilupperà un rapporto a dir poco ambiguo.

Nel caso, buona visione.

Fosco Del Nero



Titolo: Il cigno nero (Black swan).
Genere: drammatico, psicologico, thriller.
Regista: Hiroyuki Okiura.
Attori: Natalie Portman, Vincent Cassel, Mila Kunis, Barbara Hershey, Winona Ryder, Christopher Gartin, Sebastian Stan, Janet Montgomery.
Anno: 2010.
Voto: 7.5.
Dove lo trovi: qui.