Slide # 1

Slide 1

Nella vita bisogna avere il coraggio di volare

Slide # 2

Slide 2

L'unico posto in cui puoi trovare la forza è dentro di te

Slide # 3

Slide 3

Ogni tanto ricordati di amare qualcuno

Slide # 4

Slide 4

Se vuoi cambiare il mondo, inizia a darti da fare tu stesso

Slide # 5

Slide 5

Sai ancora sorprenderti dell'esistenza?

lunedì 20 giugno 2011

L’uomo che fissa le capre - Grant Heslov (film surreale)

La proposta di oggi su Cinema e film è veramente particolare, e riguarda un film assai audace, sia dal punto di vista dell’argomento trattato, sia dalla prospettiva di fondo che assume: parlo de L’uomo che fissa le capre, film diretto nel 2009 da Grant Heslov.

Il film, basato sull’omonimo romanzo di Jon Ronson, presenta un cast di attori di livello, con un quartetto mica da ridere: Ewan McGregor (Moulin Rouge, Trainspotting, Sogni e delitti, Big fish, Star wars), Jeff Bridges (L’amore ha due facce, La leggenda del re pescatore, Tideland, Il grande Lebowski, Seabiscuit), George Clooney (Dal tramonto all'alba, Fratello, dove sei?, Burn after reading, Gravity, Ocean's eleven), Kevin Spacey (American beauty, K-Pax, The big kahuna, Un sogno per domani, The life of David Gale). 

Curiosamente, L’uomo che fissa le capre non presenta alcuna attrice, fatto certamente anomalo nel cinema di oggi (e dietro cui, forse, si nasconde una certa visione androcentrica).

Lo spunto iniziale del film è accattivante, ben accompagnato anche dalla voce narrante, espediente narrativo che personalmente gradisco molto.
Ma andiamo a vedere in breve la trama de L’uomo che fissa le capre: Bob Wilton (Ewan McGregor) è un giornalista rampante, il quale si imbarca in un reportage rischioso in Iraq per far colpo sull’ex moglie, che lo ha appena lasciato.
In Medio Oriente egli incontra Lyn Cassady (George Clooney), un soldato-guerriero jedi, come si definisce egli stesso, ossia un soldato dotato di poteri psichici specificatamente addestrati (sottolineo a riguardo la domanda che Ewan McGregor pone a Goerge Clooney, ossia "Cosa è un guerriero jedi?”... domanda curiosa da parte di chi ha interpretato Obi-Wan Kenobi).
Bob decide di affiancare Lyn nella sua missione, per seguire quella che sembra una storia interessante.
Nella storia finiranno poi anche Bill Django (Jeff Bridges), sorta di soldato yippy, e Larry Hooper (Kevin Spacey), l’antipatico della situazione, tutti compagni di Lyn nel New Earth Army, il nuovo esercito americano composto per l’appunto di soldati “speciali”.

Il film si muove tra gli anni ''60 e il presente, tra i ricordi di Lyn e l’avventura condivisa con Bob.
E, curiosamente, si basa su fatti veri, nel senso che, al di là dei singoli eventi, davvero l’esercito americano aveva (ma ha tuttora, per quanto la cosa non sia sbandierata ai quattro venti) una divisione psichica (affiancato in questo anche da russi, etc); in gergo si parla di soldati psichici, di remote viewer, etc.

Molto rivelatore, in tal senso, la collezione di argomenti citati dal film: visione a distanza, influenzamento psichico, Mk Ultra, influenzamento meteorologico (con la mente, e non con le scie chimiche), manipolazione mentale della realtà, e ancora il disegno dell'occhio che tutto vede, la citazione del sesto chakra, guerrieri jedi, monaci-guerrieri, yoga, saluto al sole, sciamanesimo, dieta di estratti liquidi e ripulitura del corpo, camminata sui carboni ardenti, etc.

Veniamo ora al commento del film.
L’uomo che fissa le capre si vede molto volentieri, e procede filato dall’inizio alla fine; come dico spesso, la bontà di un film si nota proprio da quanto velocemente passa il tempo durante la sua visione (se guardi spesso l’orologio o hai un impegno oppure il film non ti sta piacendo).
Anche se, a onor del vero, sembra sempre che la storia stia per svoltare in qualche modo e che stia per succedere qualcosa di importante… che però non succede mai.

In questo senso, il film mi ha ricordato il vecchio motteggio per cui “viaggiare è meglio che arrivare”, e che la vita è il viaggio stesso, non il luogo di destinazione.

Concludendo, L’uomo che fissa le capre è a parer mio un buon film, con una buona trama e un buon senso del ritmo, forse troppo audace nell’argomento trattato, nonché troppo poco american-patriottico (sono condannate le guerre, le stragi inutili, la violenza, il continuo interventismo bellico); magari è proprio per questi motivi che il film non ha riscosso un grande successo in patria... e di conseguenza da noi che seguiamo a ruota.

Curiosamente, L'uomo che fissa le capre è praticamente l'unico film diretto da Grant Heslov... peccato non ne abbia fatto altri, perché me li sarei guardati.

In conclusione, riporto qualche frase interessante tratta dal film, che forse non dirà molto a tanti, ma dirà tanto ad alcuni.

"Attenti ai vostri desideri.
Io volevo mettermi alla prova, e per i miei peccati il destino mi diede una lezione."

"La gente va in giro con gli occhi chiusi.
Una volta che comprendi il collegamento tra osservazione e realtà, allora comincia a danzare con l'invisibilità."

"La loro gentilezza è la loro forza."

"A volte le persone chiedono aiuto per qualcosa che non sanno nemmeno loro."

"Dobbiamo creare monaci guerrieri, uomini e donne che possano innamorarsi di tutto."

"Siate tutto quello che potete essere."

"Traiettoria ottimale. La tua vita è come un fiume: se miri a uno scopo a cui non sei predestinato, nuoterai sempre contro corrente.
Scopri qual è il tuo destino, e il fiume ti ci porterà.
Talvolta gli elementi della vita danno a un individuo degli indizi su qual è il suo destino."

"Quello che tu temi non ha alcun potere su di te; è la paura che ha il potere."

"Noi ufficialmente non esistiamo."

"Aiutami ad aprire il mio cuore, sapendo che l'universo mi nutrirà."

"Il mio destino non era tornare alla vita di prima.
L'universo ha altri piani per me."

E chiudo la recensione de L’uomo che fissa le capre con una frase-invito, che poi è il concetto centrale del film.

"Porta avanti l'Opera.
Il mondo ha bisogno degli jedi, oggi più che mai."

Fosco Del Nero



Titolo: L’uomo che fissa le capre (The men who stare at goats).
Genere: commedia, guerra, surreale.
Regista: Grant Heslov.
Attori: Ewan McGregor, George Clooney, Jeff Bridges, Kevin Spacey, Stephen Lang, Waleed Zuaiter, Robert Patrick, Nick Offerman, Tim Griffin, Rebecca Mader,Glenn Morshower.
Anno: 2009.
Voto: 7.5.
Dove lo trovi: qui.