Slide # 1

Slide 1

Nella vita bisogna avere il coraggio di volare

Slide # 2

Slide 2

L'unico posto in cui puoi trovare la forza è dentro di te

Slide # 3

Slide 3

Ogni tanto ricordati di amare qualcuno

Slide # 4

Slide 4

Se vuoi cambiare il mondo, inizia a darti da fare tu stesso

Slide # 5

Slide 5

Sai ancora sorprenderti dell'esistenza?

lunedì 28 aprile 2008

Maison Ikkoku - Rumiko Takahashi (manga)

Titolo: Maison Ikkoku.
Genere: commedia.
Autore: Rumiko Takahashi.
Anno: 1980-1987.
Voto: 8.5.
Dove lo trovi: qui.


Maison Ikkoku è uno dei miei manga preferiti di sempre, di sicuro quello di Rumiko Takahashi cui sono rimasto più affezionato.

Per chi non lo sapesse, la Takahashi è la disegnatrice dei più noti Ranma e Lamù.

La storia di Maison Ikkoku è assai semplice: Kyoko Otonashi è una giovane vedova, cui è stato affidato il ruolo di amministratrice di un condominio di proprietà della famiglia del suo ex marito.

Si tratta di un condominio particolare, però, pieno di personaggi bizzarri e poco seri: da Ichinose, donna sovrappeso e dedita a festicciole a base di birra e sake, a Yotsuya, uomo misterioso e approfittatore, ad Akemi, giovane donna provocatrice e libertina.

Nel medesimo condominio, Maison Ikkoku per l'appunto (l'opera è stata diffusa in Italia con il poco convincente titolo di Cara dolce Kyoko), c'è anche Yusaku Godai, ronin squattrinato.

I ronin, nell'odierno Giappone, sono i ragazzi che hanno fallito l'esame di accesso all'università (anticamente, invece, l'espressione, letteralmente "uomo alla deriva", indicava il samurai rimasto senza padrone).

Yusaku si innamora di Kyoko a prima vista, ma gli ostacoli al suo amore saranno tanti: la carriera universitaria e la precaria condizione economica, Shun Mitaka, il maestro di tennis anch'egli invaghito di Kyoko, gli stessi coinquilini del condominio, più spina nel fianco del ragazzo che appoggio positivo.

Pur mantenendo un tono ludico e spesso comico, Maison Ikkoku si differenzia da molte commedie manga per il fatto di affrontare argomenti assai seri: l'amore, lo studio, il denaro, le difficoltà della vita.

In effetti, a Godai non vengono risparmiati delusioni e patimenti.
Questo aiuta il lettore a empatizzare con il personaggio, ragazzo assolutamente normale e anzi privo di talenti particolari (eccetto forse quello di scegliersi le compagnie meno adatte).

Insomma, Maison Ikkoku è un fumetto al contempo divertente, delicato e profondo.

Fosco Del Nero